Si rinnova l’appuntamento con il Festival dell’Olio di Oliva dei Nebrodi, organizzato per il 4° anno consecutivo dal Comune di Mirto, con la collaborazione ed il patrocinio dell’Assessorato regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea, il 21 e 22 dicembre.

Una manifestazione voluta per tenere alta l’attenzione sull’olivicultura che rappresenta uno dei settori trainanti dell’agricoltura siciliana, soprattutto in considerazione della stagione che ha visto percentuali bassissime di produzione di olio nel territorio dei Nebrodi.

Il Festival, come tradizione, vedrà la giornata di venerdì dedicata agli studenti delle scuole con un laboratorio didattico dal titolo “L’Oliva..in Arte” da realizzare in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Scolastico di Longi e con Melina Tricoli, un’artista del territorio che riesce a realizzare dei quadri con il riutilizzo di tessuti. Un messaggio rivolto ai giovani sull’importanza del riciclo e del riutilizzo di materiale che altrimenti sarebbe semplice rifiuto da smaltire.

L’altro momento sarà dedicato alla conoscenza dell’olio come prodotto fondamentale della nostra alimentazione, con un breve corso dal titolo “Baby assaggiatori d’olio crescono”, con la collaborazione dell’esperto Pippo Ricciardo, dirigente dell’Ufficio intercomunale dell’Assessorato regionale all’Agricoltura – area Nebrodi.

Nella giornata del 22 dicembre, a Palazzo Cupane sede del Museo del Costume e della Moda siciliana, previsto un incontro sul Turismo enogastronomico con la presenza di esperti ed operatori del settore sull’importante degli itinerari del gusto ed in particolare quelli legati all’Olio e al Vino. Previsti interventi anche su singole esperienze portate avanti da giovani imprenditori nel settore agricolo e dell’olivicultura con l’utilizzo degli strumenti telematici. Un evento inserito tra quelli della formazione professionale continua organizzati con la collaborazione dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia che vede tra i relatori Francesca Cerami, direttore dell’Istituto della Dieta Mediterranea, Maurizio Scaglione della testata on line Sicilia Rurale, il giornalista Fabrizio Carrera, direttore di Cronache di Gusto, tra le testate on line specializzate, in Italia, l’esperto di olii, Pippo Ricciardo dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, Anna Maria Tripodo, responsabile delle Enoteche della Città Metropolitana di Messina ed imprenditori quali Giancarlo Paparoni, dell’Associazione Strade dei Sapori dei Nebrodi e Giacomo Librizzi, digital manager e fondatore di Myfruits, progetto innovativo di start up.

Leggi anche:  Produzione olivicola in ginocchio, San Piero Patti chiede lo “stato di calamità naturale”

Nella serata di sabato un momento di degustazione guidata di olive ed olio, dal titolo “A Mirto …la Vaddarica va di Moda”, una cultivar presente nel territorio di Mirto, inserita fra le IGP della Regione Siciliana e su cui il Comune sta sviluppando un’azione di tutela, ma soprattutto di valorizzazione con le aziende del territorio per avere olio monovarietale ed oliva da tavola fra quelle siciliane già presenti nel mercato.

SCARICA IL PROGRAMMA