C’è grande soddisfazione per un importante dato che è emerso, e che riguarda la percentuale di raccolta differenziata a Santo Stefano di Camastra, nell’ultimo mese dell’anno è stata infatti accertata la percentuale del porta a porta che si attesta al 72,20%.

Proprio in questi giorni, mentre è in corso la distribuzione del nuovo calendario di raccolta, arrivano tre notizie positive per i cittadini stefanesi. La prima riguarda la conclusione della gara per il centro di raccolta comunale, rispetto alla quale, espletate le operazioni di convalida del vincitore, si potrà procedere all’avvio dei lavori per la tanto attesa concretizzazione del CCR, struttura questa fondamentale per consolidare ed accrescere notevolmente le eccellenti percentuali di raccolta differenziata raggiunte. L’altra riguarda i cittadini più virtuosi che fanno parte di uno speciale elenco, ai quali, in ragione dell’apposito regolamento comunale già approvato, verranno praticate in bolletta sottoforma di bonus gli sgravi preventivati dal regolamento premiante a partire dall’anno 2019. Inoltre, sono già nel pieno delle loro funzioni i due ispettori ambientali, che si occuperanno per tutto il perimetro comunale di monitorare le criticità relative al servizio, con particolare attenzione al difforme conferimento ed all’abbandono degli stessi.

Notizie che riempiono di soddisfazione l’assessore alla cura del verde pubblico e all’ambiente Santo Rampulla, il quale esprime sentimenti di gratitudine per l’impegno con cui la stragrande maggioranza dei cittadini stefanesi si è impegnata a differenziare, e collaborando, a mantenere sempre più decorosa ed accogliente la città della ceramiche.

“L’obiettivo è quello di proseguire su questa strada, in modo da fare ancora aumentare la percentuale di raccolta. Dietro risultati così importanti c’è una squadra che lavora in maniera egregia – ha affermato l’assessore Rampulla – senza la quale non si potevano conquistare risultati così importanti in un periodo così breve. Per questo mi sento di ringraziare in modo particolare tutto l’ufficio ARO guidato con grande professionalità dall’architetto Francesco La Monica”.

Leggi anche:  Santo Stefano, il rilancio della ceramica passa dal Mudis