In previsione del raggiungimento di un accordo, lo sciopero di sette giorni fa era stato revocato. Oggi, il sindacato che conduce la trattativa con i vertici della Multiecoplast, ha reso noto che per i nove operatori ecologici in attesa di stipendio da 6 mensilità, sono arrivati i primi insoluti.

Ai dipendenti della società cui è affidato il servizio di igiene urbana ad Acquedolci, l’impresa stessa sembra abbia corrisposto la somma di 2000 euro a titolo di acconto sulle spettanze accumulate. Va quindi a buon fine quello che però è solamente il principio di una trattativa tra l’azienda ed il responsabile della Uil Trasporti, Nunzio Musca. Restano infatti ancora altri stipendi da corrispondere.

Futuro incerto invece per gli oltre 70 operatori ecologici dei comuni di Capo d’Orlando, Capri Leone, Torrenova, San Salvatore di Fitalia e Ficarra, ricadenti nell’Aro. Le ditte Multiecoplast ed Eko Servizi, nel corso di un incontro con il sindaco Franco Ingrillì avevano manifestato la loro disponibilità a trovare una soluzione prima delle festività pasquali. A tal proposito, il sindaco Ingrillì aveva confermato di versare alle due società gli introiti derivanti dalla riscossione delle fatture presso i cittadini.  Ad oggi però, non è giunta alcuna conferma.

Leggi anche:  BioDistretto dei Nebrodi, a Capo d'Orlando un convegno per presentare le linee guida