Con un mix di veleno e carne trita, sparsa per lo spazzale di piazza Giuffrida a Sant’Agata di Militello, ignoti avrebbero ucciso due dei quattro cani che abitualmente sostano nel quartiere che hanno scelto come dimora. E’ successo lo scorso sabato notte intorno alle 1:30. A fare la macabra scoperta, qualche minuto più tardi, due giovani: Lorena Cucinotta e Paolo Blundo che, transitando per la piazza hanno notato il cibo avvelenato disseminato per tutta la piazza e chiamato Polizia e Carabinieri. Un altro giovane di passaggio vedendo Luigi, il cane spinone sotto un’auto parcheggiata, in preda ad una crisi convulsiva e con la bava alla bocca, si è tempestivamente precipitato in soccorso del cane tentando, invano, di farlo vomitare. Il povero animale, da li a poco, muore.

Un altro cane, che frequentava abitualmente lo stesso quartiere, è stato ritrovato morto nei pressi della scuola Industriale, mentre manca all’appello un altro cane: Calogero (nella Foto), un cagnone beige a marrone. Giulietta, la docile cagnetta del branco di un anno di età,  di colore nero con una vistosissima macchia bianca, pare sia stata ritrovata in pessime condizioni in una villetta e ora si trova ricoverata presso l’ambulatorio di un veterinario sant’agatese. Sulla vicenda indaga il Comando dei Vigili Urbani, che il mattino seguente assieme all’Ufficio veterinario dell’Asp è intervenuto sul posto, e il Comando Compagnia Carabinieri di Sant’Agata Militello che pare aver  già avviato le indagini per risalire agli autori dell’ignobile gesto

15:30 – ritrovato, privo di vita, in prossimità del binario ferroviario in via Campidoglio, dietro ad un cespuglio (foto), il quarto cane che mancava all’appello

Leggi anche:  Porto dei Nebrodi di Sant’Agata, sindaco Mancuso visita il cantiere