Palazzo Cupane e il Museo della Moda e del Costume Siciliano di Mirto inseriti tra i 12 interventi previsti in Sicilia dal progetto “Bellezza@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati” del Governo nazionale, con un finanziamento di 590 mila euro.

Il Palazzo Cupane con il suo Museo del Costume e della Moda siciliana rappresenta patrimonio dell’intero territorio dei Nebrodi, perchè un Unicum per la Sicilia e per tutto il Meridione Italiano e quindi una corretta conservazione dei beni esposti nel museo è molto importante. Per questo l’intervento è stato concepito per permettere di garantire condizioni ambientali tali da limitare i processi di degrado attraverso la conoscenza e il monitoraggio dei parametri ambientali, che caratterizzano gli ambienti di esposizione. Tutto ciò a salvaguardia degli abiti stessi, alcuni risalenti al 17° secolo e sotto tutela della Soprintendenza di Messina.

Un progetto all’avanguardia a cui hanno dato un grosso contributo i componenti del Comitato Tecnico Scientifico del Museo, istituito con il nuovo regolamento del Museo approvato nei mesi scorsi dal Consiglio Comunale e dai dirigenti della Soprintendenza e della Città Metropolitana di Messina.

“Si tratta di una straordinaria notizia che premia il lavoro svolto dall’amministrazione comunale e in particolare dall’ufficio tecnico, diretto dall’ing. Giuseppe Nastasi, dalla direzione del Museo, affidata all’Arch. Giuseppe Miraudo. L’importanza sta nel fatto che oltre ad interventi strutturali sull’edificio, verranno soprattutto creati ambienti e condizioni a salvaguardia degli abiti, legati al controllo dell’umidità, delle luci e degli spazi espositivi migliorandone soprattutto la fruizione” – ha dichiarato il Sindaco Maurizio Zingales commentando la classifica finale approvata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri a fine anno.

Leggi anche:  Nebrodi, il Parco punta sul mercato cinese