Un incontro pubblico dedicato all’attività amministrativa svolta in meno di due mesi dall’insediamento, dall’approvazione dei bilanci consuntivi per il periodo 2014-2017 ai numerosi interventi sul territorio, con un occhio rivolto alla progettualità e alla programmazione. Sono i contenuti dell’incontro organizzato dal sindaco di Brolo, Giuseppe Laccoto, al Palatenda di Piazza Annunziatella.

Nella prima parte del suo intervento, il sindaco ha sottolineato il lavoro intenso e praticamente a tempo pieno che ha consentito il riaccertamento dei residui attivi e passivi per gli anni 2014, 2015, 2016 e 2017 approvati, insieme ai bilanci consuntivi relativi agli stessi anni, con il parere favorevole dei revisori dei conti. “Un passaggio fondamentale, che mette in luce l’intera gestione economico finanziaria e che doveva essere compiuto prima dell’approvazione dei bilanci riequilibrati in piena campagna elettorale”.

Dalle prime analisi della situazione contabile è, però, emerso in modo chiaro che i conti non sono stati affatto risanati, nonostante la doppia dichiarazione dissesto che ha di fatto azzerato la situazione debitoria del Comune di Brolo: “Oggi abbiamo 450 mila euro richiesti dal Consorzio di depurazione, oltre 500 mila euro di raccolta e trasporto raccolta rifiuti e conferimento, nonchè oltre un milione e 700 mila euro dovuti per energia elettrica. E non pagando le bollette, il Comune di Brolo è finito in regime di salvaguardia cosìcchè è costretto adesso a pagare il 40% in più del dovuto”. “Ma non è tutto – ha proseguito Laccoto – Abbiamo ereditato una anticipazione di tesoreria di un milione e 600 mila euro, oltre a numerosissime fatture di fornitori, per diverse centinaia di migliaia di euro, non ancora saldate.”

Il primo cittadino ha poi parlato del sollecito ricevuto dall’Assessorato Regionale Enti Locali che chiede di rendicontare le somme impegnate nel 2018 per il trasporto degli studenti della scuola secondaria di secondo grado. “Peccato, però – ha affermato il Sindaco di Brolo – che noi non possiamo rendicontare nulla, perché l’amministrazione precedente ha speso zero euro per il trasporto alunni. Una grave mancanza che comporterà la mancata partecipazione alla ripartizione dei fondi per il 2019 e anche per il 2020. Ma garantiremo comunque il servizio, perché intendiamo mantenere un impegno preso in campagna elettorale”.

Adesso, l’attenzione è rivolta all’approvazione del bilancio di previsione e del consuntivo 2018: “Stiamo lavorando in questa direzione per poi passare al bilancio di previsione 2019”. Il Sindaco Laccoto ha quindi passato in rassegna l’attività svolta, iniziando dal progetto per la realizzazione della condotta di adduzione dalle vasche di raccolta al depuratore: “Una richiesta di finanziamento che era stata abbandonata nei cassetti della Regione. Adesso, il responsabile dell’Area Tecnica Comunale ha aggiornato il progetto per un importo complessivo di 247mila euro, di cui 198mila a valere sulle risorse del “Patto per la Sicilia” e 49mila a carico del bilancio comunale”.

Laccoto ha poi parlato del progetto definitivo della scuola di Piana per un importo di due milioni 700mila euro: “Progetto presentato in un mese insieme a tutti i pareri necessari del Genio Civile, dei Vigili del Fuoco e dell’Asp 5”. Sul piano del decoro urbano è significativa l’iniziativa della presa in possesso dell’edificio pericolante sulla via Via Nazionale. “L’Ufficio Tecnico – ha affermato il Sindaco – ha predisposto il progetto per la messa in sicurezza, che dopo le relative approvazioni del Genio Civile sarà eseguito a cura del Comune con spese a carico dei proprietari”.

Ma non sono stati trascurati gli interventi di manutenzione, pulizia e scerbamento che stanno interessando tutto il territorio comunale. “Dopo anni di incuria, siamo partiti dalla spiaggia con lavori mirati di pulizia e potatura, la sistemazione di docce e cestini porta-rifiuti, con il provvedimento che delimita la zona riservata alla balneazione e, soprattutto, con la realizzazione di un’area attrezzata destinata ai diversamente abili”. Laccoto si è soffermato anche sulla pulizia straordinaria del centro storico che ha ridato luce, decoro e dignità ad una zona abbandonata al degrado.

Leggi anche:  Brolo, indagato il sindaco Irene Ricciardello per peculato

Nel suo intervento, poi, il sindaco ha inoltre sottolineato che “all’asilo comunale abbiamo trovato giochi impacchettati riposti in un angolo e inutilizzati, oltre al giardino esterno abbandonato all’incuria. Ma, grazie all’opera dell’Assessore Maria Vittoria Cipriano, è stata data un’immagine totalmente diversa alla struttura che dovrà accogliere tanti bambini”.

“Entro l’autunno – ha poi annunciato Laccoto – vogliamo riaprire il cinema comunale”. Intanto, “il prossimo fine settimana inizieremo con la chiusura del centro. Verrà istituita l’isola pedonale che potrà ospitare occasionalmente animazioni e intrattenimenti. Vogliamo essere vicini e sostenere i commercianti anche nel periodo di inizio saldi”. “Allo stesso tempo, tra qualche giorno, presenteremo il programma delle iniziative per il mese di luglio, grazie anche al coinvolgimento delle associazioni e dei gruppi, mentre contiamo di avere un cartellone di agosto più ricco per tornare ad essere punto di riferimento per i turisti ed i paesi vicini”.

“Lavoriamo con tenacia – ha concluso il Sindaco Laccoto – per risolvere i numerosi problemi del Comune e sino ad oggi, abbiamo cercato di non scendere sul terreno delle sterili polemiche sul quale alcuni componenti della minoranza hanno cercato di trascinarci. Voglio ringraziare l’Assessore Nuccio Ricciardello che si sta impegnando con dedizione ai servizi esterni, l’Assessore Tina Fioravanti per l’abnegazione che mette ai Servizi Sociali e il Vicesindaco Carmelo Ziino per il lavoro delicato e fondamentale nel settore dei tributi e del contenzioso. Ma il mio ringraziamento è per tutti i consiglieri e l’intera squadra di Brolo Riparte per il contributo attivo dato nella risoluzione di diversi problemi. Insieme proseguiamo senza tentennamenti nell’azione amministrativa di risanamento, crescita e rilancio intrapresa per il bene di Brolo”.