Sono una ventina, quasi tutte attività commerciali, gli utenti morosi che non hanno provveduto al pagamento della bolletta idrica per l’anno 2017 a Capo d’Orlando. Così il sindaco Franco Ingrillì ha ordinato ai tecnici del Comune di avviare stamattina gli interventi di riduzione della portata d’acqua nei confronti di una ventina di utenti morosi, secondo quanto disposto dall’art. 35 del regolamento sulla concessione dell’acqua potabile. Il provvedimento di riduzione dell’acqua, che interessa per la quasi totalità attività commerciali, è scattato dopo la scadenza del termine concesso per il pagamento della bolletta relativa al consumo per l’anno 2017.

“Spiace ricorrere a provvedimenti drastici – commenta il primo cittadino – ma si tratta di una questione di legalità e di correttezza nei confronti di coloro che pagano regolarmente. Abbiamo inviato solleciti e atteso i termini previsti. Tra l’altro è giusto ricordare che la bolletta riguarda solo il consumo effettivo dell’acqua e non il canone idrico che a Capo d’Orlando non si paga. Si tratta, quindi, di un pagamento dovuto che, come tutte le entrate legate ai tributi locali, sono vitali per assicurare i servizi essenziali a tutta la comunità”.

Leggi anche:  A Capo d'Orlando convegno su architettura sostenibile e qualità urbana