Il fallito attentato mafioso con intenzioni stragiste appare la meno plausibile. E’ la conclusione cui è giunta la Commissione parlamentare regionale antimafia, guidata dal presidente Claudio Fava, al termine dei cinque mesi di lavoro sul “Caso Antoci”. La Commissione aveva aperto a tre possibili ipotesi (un attentato mafioso fallito, un atto puramente dimostrativo, una simulazione) ed è giunta a sostenere la prima ipotesi.

L’inchiesta era partita “dall’esigenza di ricostruire e di ripercorrere analiticamente in tutti i suoi aspetti – movente, dinamica, esiti investigativi e giudiziaril’attentato subito dall’allora presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci la notte tra il 17 e il 18 maggio 2016. Sulla base di tale conclusione, la Commissione, che ha votato il documento all’unanimità dei presenti, andrebbero riaperte le indagini sui fatti del maggio 2016. Per l’organismo dell’Ars, secondo quanto riportato nelle conclusioni di un lavoro che ha visto diverse audizione di diverse figure istituzionali, “non è plausibile che quasi tutte le procedure operative per l’equipaggio di una scorta di terzo livello, qual era quella di Antoci, siano state violate”.

Per la commissione “non è plausibile che gli attentatori, almeno tre, presumibilmente tutti armati, non aprano il fuoco sui due poliziotti sopraggiunti al momento dell’attentato. Non è plausibile che, sui 35 chilometri di statale a disposizione tra Cesarò e San Fratello, il presunto commando mafioso scelga di organizzare l’attentato proprio a due chilometri dal rifugio della forestale, presidiato anche di notte da personale armato, né è plausibile che gli attentatori non fossero informati su questa circostanza”. Non è inoltre “comprensibile”, sottolinea l’Antimafia regionale, “la ragione per cui il vicequestore aggiunto Manganaro non trasmetta le sue preoccupazioni ai poliziotti di scorta di Antoci salvo poi cercare di raggiungerli temendo che potesse accadere qualcosa senza nemmeno tentare di mettersi in contatto telefonico con loro. Non è comprensibile la ragione per cui non sia stato disposto dai questori di Messina e dai pm incaricati dell’indagine un confronto tra i due funzionari di polizia, Manganaro e Ceraolo, che su molti punti rilevanti hanno continuato a contraddirsi e ad offrire ricostruzioni opposte. È censurabile il fatto che il dottor Manganaro abbia offerto su alcuni punti versioni diverse da quelle che aveva fornito ai pm in sede di sommarie informazioni”.

Non è tutto: “È per lo meno inusuale che di fronte ad un attentato ritenuto mafioso con finalità stragista la delega per le indagini venga ristretta alla squadra mobile di Messina e al commissariato di provenienza dei quattro poliziotti protagonisti del fatto, fatta eccezione per un contributo meramente tecnico dello Sco e per l’intervento del gabinetto della polizia scientifica di Roma molto tempo dopo”.

“La Commissione – ha spiegato il presidente Fava – ha cercato di approfondire i numerosi interrogativi lasciati aperti dal decreto di archiviazione disposto dal gip di Messina e, al tempo stesso, di affrontare, attraverso una minuziosa ricostruzione dei fatti, le opacità, le contraddizioni e i vuoti di verità che permangono da tre anni su questa vicenda”.

Nella relazione, che sarà trasmessa, oltre che al presidente dell’Ars, anche alla Commissione antimafia nazionale e alle procure della Repubblica competenti, si affronta anche la vicenda di due dei più fidati collaboratori del dottor Manganaro: il sovrintende Calogero Emilio Todaro e l‘assistente capo Tiziano Granata. Muoiono a distanza di un giorno l’uno dall’altro. Granata, l’1 marzo 2018 per arresto cardiocircolatorio. Todaro, l’indomani, a seguito di una leucemia fulminante. Per queste morti, la Commissione ha chiesto che vengano riaperte le indagini.

Leggi anche:  Mistretta: La Valle delle Cascate attrae sempre più turisti