“Lo sviluppo delle aree montane passa anche attraverso la realizzazione di quelle infrastrutture, come la metanizzazione, che sono indispensabili per assicurare i servizi essenziali ai cittadini”. Con queste parole il primo cittadino di Castel di Lucio, Pippo Nobile, manifesta tutta la propria soddisfazione per l’approvazione, da parte del Consiglio comunale, della convenzione tra il Comune e la società Simegas per la progettazione, costruzione e distribuzione del gas metano nel territorio di Castel di Lucio. Il primo passo che consentirà al piccolo centro nebroideo di uscire dalla preistoria energetica con la possibilità di introdurre la nuova fonte di calore con vantaggi dal punto di vista economico, ambientale e di sicurezza.

Castel di Lucio, appartiene ai 74 comuni dell’ambito Territoriale del settore della distribuzione del gas naturale “Messina 2 Ovest”. Dei 74 risulta tra i soli 22 Comuni non metanizzati, come d’altra parte non l’ho è il comune di Pettineo che, esattamente com’è avvenuto a Castel di Lucio, nei prossimi giorni, tratterà, in Consiglio comunale, la proposta di deliberazione per l’approvazione della medesima convenzione. Anche i cittadini di Castel di Lucio e Pettineo tra qualche anno, potranno contare su uno dei carburanti più ecologici in uso: il metano. Uno dei combustibili più convenienti e diffusi sul territorio nazionale per via del prezzo contenuto, l’elevata praticità d’uso e per il limitato ingombro dell’impianto.

Leggi anche:  Galati, il Presidente Drago: "Consiglio pronto a lavorare per il bene del paese"