lunedì - 18 dicembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

nel corso di una seduta durata oltre 7 ore

Castel di Lucio, Consiglio approva DUP e Bilancio di Previsione 2017-2019

0
condivisioni

Il Documento unico di programmazione e il bilancio di previsione per il triennio 2017-2019, del Comune di Castel di Lucio, sono stati approvati in Consiglio comunale nel corso di una seduta durata oltre 7 ore. Riunitasi alle 18 di ieri sera, l’assemblea ha dato il via libera al documento con 10 consiglieri presenti:  sette appartenenti al gruppo di maggioranza favorevoli e tre, del gruppo di opposizione, contrari. A seguire l’aula si è espressa positivamente sull’immediata esecuzione.

“La decisione di non votare l’approvazione del Bilancio di previsione 2017/2019 scaturisce,  soprattutto,  dalla scelta della maggioranza consiliare di bocciare l’unico emendamento presentato dal nostra compagine – afferma la capogruppo di opposizione Silvana Patti. Un emendamento prettamente politico che aveva come obiettivo la reintroduzione dei funzionari nel ruolo di responsabili di area. Riteniamo la scelta della maggioranza – conclude Patti – miope e grave nell’ ottica di una sana e trasparente gestione della cosa pubblica”.

Alla direzione delle aree alle quali fa riferimento il capogruppo di “Impegno Civico” Silvana Patti, da 3 anni a questa parte sono: il sindaco Giuseppe Franco, per quanto riguarda l’area tecnica; l’assessore al Bilancio Fedele Nicolosi, per l’area economica finanziaria; il segretario comunale per quella amministrativa.

“L’ente Comune, da quando i ruoli delle diverse aree vengono ricoperti, gratuitamente,  da componenti dell’organo di governo, ha risparmiato circa 90 mila euro. Trenta mila euro l’anno – afferma il primo cittadino Giuseppe Franco. Colgo, comunque, al volo la proposta lanciata dalla minoranza, in un’ottica d’intesa con il resto del consiglio, per avviare immediatamente una consultazione atta a verificare lo stato di gradimento, da parte dei dipendenti comunali, rispetto a questa situazione. Proporrò, ai dipendenti che posseggono i requisiti, qualora lo volessero ricoprire, i ruoli di capo area”.

Tornando al Documento unico di programmazione e alla elaborazione dello stesso, composto da una sezione strategica e da una sezione operativa, abbiamo avuto modo di riscontrare un processo articolato, fatto di analisi e valutazioni. Valutazioni che l’assessore al Bilancio Fedele Nicolosi dice di aver curato, assieme al resto della giunta e agli uffici, nel rispetto delle compatibilità economico-finanziarie, della possibile evoluzione della gestione dell’ente,  prestando attenzione agli equilibri di bilancio e ai vincoli di finanza pubblica, ex patto di stabilità.

Leggi anche:  Slow Food, perché dà fastidio la Condotta dei Nebrodi?

“Per gli amministratori, presenti e futuri, si prospettano anni di duro lavoro, colmi di opportunità per il nostro paese- ha commentato  Nicolosi. Negli anni passati, oltre ad aver portato a termine numerosi investimenti per il decoro e la riqualificazione urbana, abbiamo ridotto de 16% il piano finanziario TARI garantendo le agevolazioni per il 50% alle attività commerciali, fissate le aliquote al minimo contenendo la pressione fiscale e garantito i servizi senza ulteriori aggravi per i cittadini. Seppure in uno scenario ancora pieno di incertezze – conclude l’assessore al Bilancio- dovute al contesto economico nazionale e non solo, Castel di Lucio può guardare al futuro forte di una programmazione solida e qualificata, che permetterà di rivitalizzare il paese e fungere da volano per l’economia locale”.

 

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l