Una querela per diffamazione è stata presentata, alla locale Stazione carabinieri, dal funzionario dell’area economico finanziaria del Comune di Mistretta, nei confronti di un consigliere comunale che, durante la seduta del Civico Consesso di ieri sera, nel corso del suo intervento, secondo il querelante, si sarebbe lasciato andare ad affermazioni oltraggiose nei propri confronti offendendone l’onorabilità, la reputazione e la professionalità.

Lo stesso consigliere, secondo quanto apprendiamo dalla viva voce dei presenti, avrebbe definito i pareri espressi sia dello stesso funzionario che dal Revisore Unico dei conti: “fasulli”. I carabinieri della Stazione di Mistretta hanno già avviato un’indagine. Nei prossimi giorni verranno acquisite le registrazioni fonografiche dell’intervento del consigliere comunale e redatto un rapporto finale che sarà girato alla Procura della Repubblica.

Nella medesima seduta di Consiglio è stato approvato all’unanimità il Piano triennale delle opere pubbliche e il bilancio di previsione 2017. Quest’ultimo è stato approvato a maggioranza con i voti del gruppo consiliare Cambia Mistretta. I tre consiglieri comunali del gruppo SosteniAmo Mistretta presenti hanno espresso voto sfavorevole, in virtù del fatto, apprendiamo , che sullo strumento finanziario erano stati espressi i pareri sfavorevoli da parte del Revisore Unico dei conti e del responsabile dell’area economica finanziaria. Alla base dei pareri sfavorevoli, a quanto pare, vi sarebbe il mancato avvio del piano di riequilibrio necessario alla copertura della mole debitoria ammontante a circa 1 milione 440 mila euro.

Leggi anche:  Mistretta si prepara per la seconda edizione del trial dello Zu Pardo