Finisce con un nulla di fatto il tanto atteso Consiglio comunale di ieri sera, in cui si sarebbe dovuto trattare, al primo punto, il Bilancio consuntivo 2016, al secondo, le procedure per l’avvio del Piano di Riequilibrio pluriennale, ed evitare, quindi, il rischio per l’Ente, di dissesto finanziario. Tutto rinviato dunque.

Rinviato con le possibili conseguenze che potrebbe comportare la posticipazione del punto che tratta l’approvazione del rendiconto di gestione 2016. Il motivo del rinvio? Il mancato adempimento del funzionario preposto alla pubblicazione di atti obbligatori: prima dell’approvazione in Consiglio comunale del rendiconto, secondo quanto prescritto dalla legge, nel sito istituzionale del Comune, sezione Amministrazione Trasparente, devono, obbligatoriamente, essere pubblicati i documenti contabili delle società partecipate. Il funzionario, responsabile dell’Ufficio URP-SUAP, non lo ha fatto, nonostante fosse al corrente, già dallo scorso luglio, dell’obbligo di pubblicazione degli atti.  

Dall’inadempimento, che lascia esterrefatto l’intero Consiglio comunale,  emerge, ma non è una novità, l’incapacità, la leggerezza e la superficialità politica dell’Organo esecutivo il quale non esercita alcuna attività d’impulso e controllo affinché i processi avviati giungano fino alla loro definizione.

Acclarata anche in conferenza di Capi Gruppo, alla quale partecipa anche il Segretario comunale, l’impossibilità di continuare,  il Consiglio comunale, all’unanimità, è costretto a dover rinviare la seduta, che, successivamente, viene fissata per il prossimo 31 ottobre.

Tali ritardi, a sentire esperti in materia, potrebbero avere ricadute negative nel processo di avvio per la stabilizzazione dei dipendenti contrattasti, per la definizione e l’avvio della procedura di riequilibrio pluriennale che il consiglio avrebbe dovuto trattare, quale secondo punto già iscritto all’ordine del giorno, nella seduta di ieri. Punto strettamente collegato al Bilancio consuntivo 2016.

Leggi anche:  Mistretta, Testagrossa: "Gestione Porracciolo fallimentare"

Il ritardo, al Comune di Mistretta, è un elemento risaputo e conico, come quello che riguarda il treno della Conca D’Oro. Mentre molti altri Comuni hanno già approvato il bilancio di previsione relativo all’anno 2018, il Comune di Mistretta si trova alle prese ancora con il rendiconto 2016.