martedì - 27 giugno 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Ieri i militari hanno acquisito dagli uffici del municipio documenti utili per le indagini

Comune di Mistretta, i carabinieri indagano sul servizio gestione rifiuti

17237190_10208497645175520_326578925_o
0
condivisioni

Un’altra attività investigativa, condotta dai carabinieri, interessa il Comune di Mistretta. Dopo il blitz di qualche mese fa negli uffici del municipio della città amastratina, quando vennero acquisiti documenti amministrativi connessi agli affidamenti, mediante locazione, dei fondi rustici di proprietà del comune di Mistretta, sul quale la Procura della Repubblica del tribunale di Patti sta ancora indagando, ieri mattina, i militari dell’arma della locale Compagnia, hanno avviato un’altra attività d’indagine. I carabinieri si sono presentati all’ufficio tecnico del comune di Mistretta e portato via documentazione relativa alla gestione del servizio rifiuti solidi urbani.

Documenti riconsegnati, nella stessa mattinata, all’ufficio comunale. Le indagini scaturirebbero da una serie di dibattiti politici, tra maggioranza e opposizione, in sede di consiglio comunale, dal quale sarebbero emergere ipotesi di reato, legate all’amministrazione e gestione del servizio dei rifiuti, su diversi fronti, sui quali gli inquirenti posano adesso la lente d’ingrandimento. Informazioni arrivate, a chi conduce oggi le indagini, probabilmente anche dal faccia a faccia, tra il vice sindaco Vincenzo Oieni e il presidente del consiglio Felice Testagrossa, nella trasmissione televisiva “I fatti Nostri”, andata in onda qualche settimana fa sull’emittente locale TeleMistretta dalla quale sono emersi aspetti controversi sia relativamente ai costi elevati, sia all’espletamento generale del servizio. Oggi i carabinieri hanno fatto un sopralluogo al CCR (centro comunale di raccolta) per cercare di acquisire informazioni utili per la loro indagine e far luce sull’intera vicenda. Vicenda su cui, questa testata d’informazione, terrà riflettori puntati continuando ad informare i lettori su eventuali sviluppi.

0
condivisioni

Commenta con Facebook