Questi giorni sono stati cruciali per la sicurezza dei cittadini di Caronia: la pioggia e il fango hanno causato smottamenti, strade chiuse e disagi per lunghe ore.

La cittadina caronese unita in queste ora dalle difficoltà ha trovato sostegno anche dalla consulta dei Nebrodi, nonostante ancora oggi il comune di Caronia non abbia aderita alla stessa, in particolare il presidente della consulta dei Nebrodi Alessandro Magistro è stato in continuo contatto con la protezione civile e con il responsabile provinciale arch. Maurizio Venuto, che ha visitato i posti più colpiti dal nubifragio, lo stesso presidente Magistro ha poi fatto richiesta al comandante della forestale salvatore Scaffidi, il quale cha inviato uomini e mezzi per eliminare definitivamente fango e pietre che ostruivano il lungo mare.

“Serve un piano strategico e un mappatura delle zone a rischio, se l’amministrazione di caronia non intende farlo lo faremo noi perché i cittadini vanno tutelati senza temporeggiare “, scrive in una nota il Presidente Magistro.

Il consigliere della Consulta dei Nebrodi Vincenzo Consentino ha pienamente collaborato per l’emergenza su Caronia. Intanto resta chiusa a causa di un costone roccioso a rischio caduta la strada che consente di entrare a Caronia centro, creando forti disagi.

Leggi anche:  Antoci: "Il commando voleva uccidere, spero in un pentito"