“Apprendiamo con sorpresa delle dichiarazioni del presidente della Regione, secondo il quale l’Anas, durante l’eccezionale ondata di Maltempo che ha colpito la Sicilia durante la scorsa settimana, non avrebbe messo in azione gli spazzaneve e spargisale in dotazione”.

Lo afferma una nota dell’Anas che sottolinea “di avere affrontato tale emergenza operando, sin dal 2 gennaio, con mezzi spargisale al fine di prevenire la formazione di ghiaccio e successivamente, sulle strade già colpite dalle nevicate in atto, con mezzi spazzaneve. I mezzi messi in strada, tra spazzaneve e spargisale, sono stati 58, gli uomini di Anas coinvolti circa 150. Per avere un’idea dell’eccezionalità dell’evento, sono state oltre mille le tonnellate di sale utilizzate durante quella settimana, pari ad oltre due terzi della quantità solitamente utilizzata da Anas in Sicilia durante una intera stagione invernale. Ciononostante la viabilità è stata garantita pressochè ovunque sulla rete, e gli unici rallentamenti e brevi blocchi temporanei sono stati dovuti esclusivamente ad incidenti causati da mezzi sprovvisti di catene da neve o pneumatici invernali, persino nei tratti di strade e autostrade lungo i quali è in vigore l’obbligo”.

“Inoltre che Anas, prosegue la nota – in stretta sinergia con Prefetture e Forze dell’ordine, ha fornito supporto anche agli enti locali per garantire la transitabilità lungo diversi tratti stradali provinciali e comunali, quindi non di competenza Anas. Per quanto riguarda, infine, le attività nell’Etneo, – conclude la nota – su richiesta della Protezione Civile Regionale Anas ha ripristinato la viabilità locale, non di propria competenza, nei territori comunali di Zafferana Etnea, Linguaglossa, Biancavilla, Bronte e Nicolosi, già colpiti dagli eventi sismici del 26 dicembre”.

Leggi anche:  Aras fallito, lavoratori salvi ma gli allevamenti senza controlli

L’Anas risponde anche al presidente del Gal Nebrodi Plus Francesco Calanna che ha lamentato i tantissimi i disagi sui Nebrodi.

“La strada statale 289 “Di Cesarò”, infatti, non è mai stata chiusa al traffico, anche se è stata una delle arterie più colpite dalle abbondanti nevicate dello scorso fine settimana e nonostante il guasto di una turbina fresaneve utilizzata dalle squadre Anas, immediatamente rimpiazzata da un’altra proveniente da Floresta. Questo è stato possibile grazie all’impegno di Anas che, durante la scorsa settimana su ogni arteria siciliana di propria competenza interessata dalle abbondanti nevicate, ha messo in campo uomini e mezzi ed ha sparso sul manto stradale oltre 1000 tonnellate di sale, pari a oltre due terzi della quantità solitamente utilizzata in un’intera stagione invernale. Durante il video, peraltro, si può chiaramente vedere che  l’intervista è stata realizzata a bordo di un’autovettura in grado di circolare senza alcun problema. Le uniche criticità, durante quei giorni, sono state causate da automobilisti che circolavano con veicoli sprovvisti di catene da neve o pneumatici invernali. Oltre al consueto impegno nelle attività spargisale e spazzaneve, le squadre Anas sono quindi  state impegnate nel soccorrere i veicoli intraversati o impossibilitati a proseguire. Sarebbe stato importante ascoltare nell’intervista anche una maggiore sensibilizzazione dei cittadini, e in particolare degli automobilisti, all’utilizzo dei dispositivi antisdrucciolevoli, ove imposto dal Codice della Strada e dalle ordinanze Anas”.