“Sui 5 milioni alla dorsale dei Nebrodi la Regione prende un abbaglio”. L’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, commenta così il finanziamento della Regione alla Dorsale dei Nebrodi. Per la Presidenza della Regione “l’opera è stata finanziata dall’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente” ma, secondo Antoci, quel progetto era già stato deliberato dal Comitato Esecutivo del Parco dei Nebrodi presieduto da Antoci stesso e che i fondi nulla hanno a che vedere con fondi regionali bensì, gli stessi, sono stati garantiti dal Patto per Il Sud della Città Metropolitana di Messina.

Per i Nebrodi tale attività sarebbe stata coordinata da Antoci nella qualità di Presidente del Parco e le destinazioni delle somme sarebbero state decise di concerto con tutti i Sindaci coinvolti. Antoci e i primi cittadini coinvolti, con grande affiatamento, hanno garantito circa 65 milioni di euro per i Nebrodi dal Masterplan di Messina e di cui proprio i 5 milioni della dorsale fanno parte.

“In epoca di Fake news non ci si può stupire che le stesse vengano propinate con regolarità ai lettori – dichiara Giuseppe Antoci ex Presidente del Parco dei Nebrodi – ma che sia una istituzione come la Regione a modificare la realtà appropriandosi del lavoro svolto con grande passione e determinazione dal Parco da me presieduto e dai Sindaci che hanno scelto la destinazione delle somme per il territori, più che una Fake news mi sembra veramente una barzellettaMa quali fondi regionali? Li abbiamo conquistati noi e sudati giorno per giorno assicurandoci le somme a valere dal Patto per il Sud della Città Metropolitana di Messina”.

“Sono stato in silenzio nei mesi successivi alla mia revoca da Presidente del Parco vedendo tanti progetti messi in cantiere da me, dal mio Comitato Esecutivo e dal Consiglio del Parco che, se pur non citando mai il nostro impegno, venivano presentati come nuove iniziative – continua Antoci – l’ho fatto perché ho ritenuto che l’importante era portare avanti le idee messe in campo indipendentemente da vederne attribuiti i meriti; ma questa della dorsale non si può proprio sentire… questa è troppo grossa. Prendersi i meriti di una cosa sulla quale la Regione non c’entra nulla mi sembra veramente istituzionalmente imbarazzante. Inoltre non capisco come si possa pensare che le persone abbiano potuto dimenticarsi di un così importante obiettivo raggiunto dalla Presidenza Antoci e di cui ha parlato tutta la stampa in epoche recentissime”.

“Nonostante questo incidente di comunicazione nel quale è scivolato il Presidente Musumeci – conclude Antoci – provo una grande soddisfazione nel constatare che il progetto della dorsale, al quale tanto ho lavorato e per il quale tanto mi sono speso, sia ormai alle battute finali e questo, ovviamente, indipendentemente da chi ha reso possibile il finanziamento. Certo da questa vicenda un insegnamento lo possiamo trarre: mai sottovalutare l’intelligenza e la memoria delle persone in quanto la prima è patrimonio dei più, mentre la seconda non si cancella mai. La memoria crea la storia e non si modifica raccontando a proprio piacimento gli eventi ne, tantomeno, si cancella con gli spoil system o le revoche degli incarichi. Quella rimane sempre con un unico vincolo e cioè che la scrivono i giusti…. Viva il Parco dei Nebrodi”.   

Leggi anche:  “Percezioni tra nostalgia e intuizione": mostra personale di Giuseppe Indaimo