venerdì - 24 novembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

A causa della siccità

Funghi, Coldiretti: “Annata nera per i porcini”

0
condivisioni

“L’arrivo del maltempo è forse l’ultima chance per far sperare gli appassionati di funghi che attendono la pioggia come manna dal cielo dopo una stagione iniziata male a causa della siccità record che ha caratterizzato l’estate”. E’ quanto afferma la Coldiretti, sottolineando che l’ estate da caldo record e con i cesti vuoti “ha colpito in realtà anche tanti buongustai, con i prezzi saliti alle stelle che superano anche i 35 euro al chilo per i più pregiati porcini”.

“Con l’annata nera – osserva inoltre Coldiretti – c’è il rischio che vengano spacciati come nazionali i funghi importati dall’estero. Per questo invitiamo a verificare l’indicazione del luogo di raccolta o coltivazione in etichetta o su appositi cartellini che deve essere riportato obbligatoriamente da quest’anno. Infatti, dopo i la Commissione Europea, in riferimento a un nostro quesito, ha chiarito che le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l’indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei”.

“Una garanzia – prosegue l’organizzazione agricola – per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti nella Penisola o se sono arrivati in Italia da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualità e sicurezza alimentare”. “L’attività di ricerca di porcini & C. – conclude la Coldiretti – non ha solo una natura hobbistica, svolge anche una funzione  economica a sostegno delle aree interne boschive dove rappresenta un’importante integrazione di reddito per migliaia di “professionisti” impegnati a rifornire negozi e ristoranti di prodotti tipici locali. A rischiare di rimanere a secco sono anche le numerose feste e sagre locali che tradizionalmente si moltiplicano nel mese di settembre lungo tutta la Penisola”.

Leggi anche:  Ferrero vuole produrre nocciole in Sicilia per la Nutella
0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l