Gli ambascatori del gusto Pasquale Caliri del Marina Del Nettuno, il pasticcere Lillo Freni e il bakery chef Francesco Arena del panificio Masino Arena saranno domenica prossima a Galati Mamertino per la festa della mietitura. “Frummentu”, questo il titolo della festa, comincerà alle 8 del mattino con la mietitura a mano per prolungarsi sino al pomeriggio con rinfreschi e assaggi negli stand preparati dall’organizzazione.

I tre testimonial partecipano infatti al progetto “Diamo una mano al grano”  e avevano già dato il loro contributo alle procedure di semina. Adesso si ritroveranno ancora una volta  al fianco dei contadini dei Nebrodi, ansiosi di raccogliere il prezioso grano antico siciliano la quale coltivazione era oramai andata perduta.

Venti ettari di terreno seminati da tre qualità di grano duro: Perciasacchi, Senatore Cappelli e Bufala Nera, Russello e grano tenero Maiorca. Le farine troveranno impiego nelle preparazioni gastronomiche delle tre eccellenze messinesi.

“Abbiamo coinvolto le scuole – dice Giacomo Emanuele che insieme ad altre due ditte ha in affitto i terreni, perché vogliamo educare le giovani generazioni al rapporto con il territorio, perché saranno loro i protagonisti di un futuro che non puo’ sottrarsi alla relazione con la terra”.

E di relazione parla anche lo chef Pasquale Caliri : “I nostri piatti – spiega – vibreranno dell’anima della nostra terra siciliana, del fervore dei contadini e produttori che con fatica riescono a tramandare quel valore assoluto di eccellenza, bontà e autenticità che il grano rappresenta. Come Ambasciatori Del Gusto – continua lo chef – siamo impegnati a diffondere il made in Italy in tutto il territorio con lavoro di formazione e sensibilizzazione”.

“Abbiamo avuto anche modo di imparare da questi uomini – continua Lillo Freni tutte le particolarità di questi grani che vogliamo usare nelle nostre ricette” mentre conclude Francesco Arena “investire nell’eccellenza non puo’ che produrre eccellenza stessa”.

Leggi anche:  Galati Mamertino, era accusato di stalking assolto un operaio