A Galati Mamertino da tre giorni il quartiere Piazza, nel centro storico, è senz’acqua.  Anziani, turisti, cittadini hanno scoperto quasi per caso di non ricevere acqua. Diciamo quasi per caso per non dire altro: chi aveva i serbatoi pieni si è ritrovato all’improvviso con i rubinetti a secco.

Insomma, nel pieno di agosto, diventa difficile non solo farsi una doccia ma persino andare in bagno. Nessuna comunicazione risulta sul sito del Comune, nessuna su Facebook dove pure qualche amministratore è aduso pubblicare selfie col sorriso a tutto spiano, nessuna comunicazione e basta. Pertanto risulta difficile capire se è quando l’acqua arriverà.

Si parla di un guasto alla condotta, di problemi vari alla rete. La verità è che l’incompetenza e il pressapochismo hanno superato ogni limite. Un paese che a parole vorrebbe puntare su turismo e ospitalità e che non è in grado di rispettare gli standard minimi dei servizi. Ora si dirà che Nebrodinews ha dei pregiudizi, che lavora per il nemico, che c’è un complotto internazionale.

Purtroppo la verità amara è che questa amministrazione sta mandando tutto a scatafascio e che risulta difficile giustificare la mediocrità in cui hanno fatto piombare il paese. Stanno attaccati alla cadrega ma non si capisce per fare cosa. E siccome non è chiaro, visto che non si presentano nemmeno per celebrare i matrimoni, se ne stiano tranquillamente a casa, lascino il palazzo prima che sia troppo tardi, insomma si dimettano.

Loro, evidentemente, sono arrivati al capolinea anche se non vogliono ammetterlo. Facciano presto a parcheggiarsi altrove prima che al capolinea arrivi il paese con uno stillicidio di disservizi, distrazioni, dimenticanze.

Leggi anche:  Galati, istituito comitato del Premio Nazionale di Poesia “Nino Ferraù”