Per il secondo appuntamento con “I Nebrodi in tavola”, Slow Food condotta Nebrodi ha scelto il Ristorante Ambrosia di Sant’Agata Militello. La serata – alla quale hanno preso parte il fiduciario Angelo Pedano e gran parte dei membri del Direttivo – è stata l’occasione per raccontare il territorio nebroideo attraverso le sue eccellenze e valorizzare la cultura e la storia gastronomica siciliana.

Protagonista indiscusso nei piatti dello chef patron del ristorante, Franco Agliolo, è stato il “Suino nero dei Nebrodi tra tradizione e contaminazione”. Allevato allo stato semibrado nei boschi dei Nebrodi (50 mila ettari di faggi e querce all’interno di un parco naturale), il suino nero, presidio slow food, si caratterizza per la taglia piccola e il mantello scuro. Nel corso della serata è stato posto l’accento sull’importanza del maiale nella vita rurale del passato e nell’economia contadina, oltre che sul suo valore nutrizionale.

La cucina dello chef Agliolo ha convinto tutti riuscendo, da una parte, a far riscoprire gli antichi sapori della tradizione, dall’altra a mettere in luce la grande tecnica utilizzata nel lavorare la materia prima. La cena ha preso il via con un antipasto caro allo chef Agliolo, il “carciofo in casseruola”. La fredda serata invernale è stata poi scaldata dalla “Zuppa di ceci e cotechino fatto in casa”. A seguire i “Ravioli amari ripieni di ricotta e conditi con sugo di maiale nero”, provocazione dello chef per contrapporre la sua pasta fresca ai tradizionali ravioli dolci siciliani ripieni di ricotta zuccherata. Molto apprezzati anche i secondi piatti, il “Cosciotto di maialino nero” cotto a bassa temperatura per 20 ore, e la “Padellata di maiale”, il tradizionale piatto della festa con le interiora. Il semifreddo alle noci con salsa al mandarino dello chef e i dolci alle nocciole dei Nebrodi offerti dalla pasticcera Isabella Catalano hanno concluso piacevolmente la cena “Slow Food” alla quale hanno preso parte anche i produttori di miele, nocciole, vino e olio extravergine di oliva del territorio.

Leggi anche:  Verso Expo, cresce il malumore contro il Parco dei Nebrodi