mercoledì - 23 agosto 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Per aver centrato due promozioni consecutive

La Lega Nazionale Dilettanti premia un dirigente della ACR Castelluccese

Mimmo Tata
0
condivisioni

Sabato 10 Giugno, presso l’hotel Hilton di Roma, si è svolta la tradizionale cerimonia per il conferimento degli attestati di benemerenza per dirigenti della Lega Nazionale Dilettanti con almeno 20 anni di attività, che hanno acquisito particolari meriti di promozione e nello sviluppo dell’attività calcistica. Tra i 132 dirigenti  premiati direttamente dal Presidente della LND, Cosimo Sibilia, anche Domenico Tata, dal 1983, anno di fondazione, dirigente dell’A.c.r. Castelluccese, sodalizio sportivo nebroideo che la prossima stagione disputerà, per la prima volta, il campionato di prima categoria.

Un meritatissimo riconoscimento alla passione e alla tenacia di un uomo che, superando innumerevoli difficoltà, negli anni ha sempre avuto la capacità di ricucire diplomaticamente gli strappi, garantendo così continuità ad un’attività che ha favorito, e favorisce, lo sviluppo e la coesione sociale della propria comunità. Un’occasione, questa, per riconoscere al professore Mimmo, così come viene chiamato il dirigente sportivo nel piccolo paesino di Castel di Lucio, gli sforzi che negli anni ha fatto per gli altri mettendo a disposizione, in modo del tutto gratuito, il suo tempo, le sue risorse e le sue capacità.

“Sentire riecheggiare il mio nome e  il nome della Castelluccese davanti al gotha del calcio italiano è stato davvero emozionante -commenta Tata- un’ emozione che, insieme all’attestato di benemerenza conferitomi, voglio condividere con i dirigenti e i calciatori che negli anni hanno reso onore alla Castelluccese, senza trascurare i meriti di una comunità intera che ha sempre sorretto i nostri sforzi”.

Un riconoscimento che certifica ulteriormente il magic moment vissuto dalla società del Presidente Cicero che nelle ultime due stagioni ha centrato due promozioni consecutive.

0
condivisioni

Commenta con Facebook