L’abete dei Nebrodi è stato selezionato e riconosciuto come bene naturale di unicità siciliana. Lo ha deciso la Società botanica italiana inserendolo come “modello” da salvare dall’estinzione, con altre venti piante che, per aspetti geografici e culturali, rientrano tra le specie mediterranee da rilanciare per ripopolare i boschi.

Negli anni ‘80 del secolo scorso ne esistevano soltanto 25 esemplari, presenti nel Parco delle Madonie, dove si sono formate le prime catene montuose siciliane. L’abete dei Nèbrodi o abete delle Madonie è un albero della famiglia delle Pinaceae, endemico della Sicilia. La specie, un tempo classificata come sottospecie dell’abete bianco (Abies alba), potrebbe essersi formata per speciazione durante l’inizio dell’ultimo interglaciale post-wurmiano.

Leggi anche:  Santo Stefano, la bellezza di un porto che piace solo ai ricchi