Sono 36 i Comuni dei Nebrodi che beneficeranno dei fondi stanziati nella Manovra finanziaria del governo nazionale destinati ai piccoli centri e alle cittadine con meno di 20mila abitanti. Si tratta dei comuni di Capo d’Orlando, Sant’Agata Militello, Acquedolci, Brolo, Tortorici, Troina, Capizzi, Capri Leone, Caronia, Castell’Umberto, Cesarò, Galati Mamertino, Mistretta, Naso, San Fratello, San Piero Patti, Sant’Angelo di Brolo, Sinagra, Torrenova, Tusa, Cerami, Alcara Li Fusi, Castel di Lucio, Ficarra, Floresta, Longi, Militello Rosmarino, Mirto, Motta d’Affermo, Pettineo, Raccuja, Reitano, San Marco d’Alunzio, Santa Domenica Vittoria, San Teodoro e Ucria.

In totale in Sicilia arriveranno 20 milioni di euro. Il dato sul numero di abitanti è stato usato per creare quattro diverse fasce di finanziamenti: i Comuni con popolazione tra 10.001 e 20mila unità riceveranno 100mila euro; quelli tra 5.001 e 10mila abitanti avranno a disposizione 70mila euro; i paesi con popolazione compresa tra duemila e cinquemila abitanti otterranno 50mila euro, mentre i centri ancora più piccoli potranno disporre di 40mila euro.

Gli interventi, che potranno riguardare anche la messa in sicurezza di edifici pubblici, come le scuole, dovranno iniziare entro il 15 maggio. La prima metà delle risorse sarà erogata dopo la verifica dell’avvenuto inizio dei lavori, mentre il saldo avverrà a collaudo effettuato. Il decreto prevede inoltre che gli interventi non siano già destinatari di altri finanziamenti e che siano aggiuntivi a quelli inseriti nei primi dodici mesi dei piani triennali per le opere pubbliche.

Leggi anche:  Danni ai noccioleti nei comuni nebroidei, Bandiera: "Modificata legge per indennizzo"