A Limina continuano ad allargarsi e a diventare ogni giorno più profonde le lesioni sui muri dell’antica chiesa di San Filippo D’Agira, situata su una collinetta che si trova nella parte nord dell’abitato e il cui terreno è fortemente instabile. Evidenti segnali di cedimento sono comparsi anche sulla piazzetta antistante, dove sorge il Monumento ai Caduti, e su diverse abitazioni che si trovano nella vicina via Garibaldi. Diventa ormai urgente, dunque, un intervento di consolidamento e di messa in sicurezza dell’intero versante. L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, ha già indetto la gara per affidare la progettazione dei lavori. Le domande di partecipazione potranno essere presentate entro il tredici novembre. Lo stanziamento complessivo ammonta a un milione e 750mila euro. Sarà necessario intervenire anche sui sottoservizi fognari e idrici che, ormai danneggiati, continuano a riversare le acque nel sottosuolo innescando i movimenti franosi.

Leggi anche:  Confindustria Messina punta sull’export: martedì 22 novembre giornata formativa