La Squadra Mobile di Messina ha tratto in arresto Gaetano Barbera, ex mafioso del clan Giostracollaboratore di giustizia, e la sorella Maria: i due sono accusati di detenzione e porto illegale di arma da sparo. Alla donna sono stati applicati i domiciliari, mentre il pentito si trova in carcere e gli è stato revocato il programma di protezione.

Le indagini, coordinate dalla Dda, diretta dal procuratore Maurizio de Lucia, hanno accertato che Barbera era tornato a delinquere. Nella località protetta in cui viveva, ha avuto una violenta colluttazione in un bar per difendere un amico: temendo ritorsioni, l’uomo si è procurato una pistola che è stata consegnata alla sorella, Maria, che l’ha trasportata in treno da Messina alla località protetta. L’arma è stata rinvenuta oggi dalla polizia.

Barbera è ritenuto responsabile di 4 omicidi, era inserito nel clan Giostra ed è ritenuto uno dei fedelissimi del capomafia ergastolano Marcello D’Arrigo. Ha iniziato a collaborare con i magistrati dal 2013. Barbera è ritenuto responsabile degli omicidi di Stefano Marchese, Francesco La Boccetta e Roberto Idotta, commessi durante la guerra tra cosche esplosa tra i clan messinesi.

Leggi anche:  Garibaldi Hotels prende in gestione il Grand Avalon Sikani Resort di Gioiosa Marea