È disperso dal pomeriggio di venerdì 18 ottobre, Francesco Faro, il 74enne medico oculista messinese scomparso nei boschi tra Caronia e Capizzi, dove si era addentrato alla ricerca di funghi. Le ricerche continuano senza sosta, con l’ausilio di mezzi e uomini ma, con il passare delle ore, diminuiscono anche le possibilità di ritrovare vivo l’uomo esposto alle insidie del bosco popolato da maiali selvatici e cinghiali i quali rappresentano un pericolo, per lo stesso, quando si sentono minacciati dalla sua presenza o avvertono l’individuo quale possibile minaccia per la prole.

Alle varie forze di polizia, coordinati dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Messina, e ai tanti volontari impegnanti nelle ricerche dell’uomo, si dovrebbe aggiungere anche l’Esercito voluto dal prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, che sovrintende l’organizzazione delle ricerche. A lavoro dalle prime luci dell’alba di oggi, le unità cinofile dei Vigili del Fuoco e dei volontari arrivati della Protezione Civile che stanno perlustrando, palmo a palmo, tutto il territorio muovendosi a cerchio concentrico partendo dalla località Losera, dal punto esatto dove è stato ritrovato il fuoristrada dell’uomo e dal quale inizia un’area completamente boscata ed impervia.

Leggi anche:  Lavori pubblici nei Comuni, finanziati 36 paesi dei Nebrodi