Dallo scorso 23 gennaio il servizio scuolabus del Comune di Mistretta è stato interrotto. Il servizio, destinato agli alunni iscritti alla scuola primaria, secondaria e agli asili, non funziona da circa un mese e genera parecchi disagi a molti genitori diversi dei quali ci hanno più volte contattato e parlato del problema.

Dalle informazioni in nostro possesso, apprese qualche settimana fa dal racconto di un dipendente comunale che denunciava apertamente al nostro giornale l’inefficienza di molti mezzi di proprietà del Comune, lo scuolabus non può circolare poiché sprovvisto di assicurazione RCA. A parte questa, problematica che, a quanto pare, sarebbe in via di risoluzione, secondo indiscrezioni, sul pulmino insisterebbero altre complicazioni, di natura meccanica, che comprometterebbero la sicurezza del trasporto degli oltre 50 scolari amastratini.

Problematiche che dovranno essere affrontate e risolte prima che il mezzo, volto il servizio scuolabus, venga sottoposto a revisione annuale, prevista il prossimo mese di marzo. È dunque chiaro che prima di allora il servizio non potrà riprendere e ai genitori non resta null’altro da fare che continuare ad accompagnare i propri figli a scuola con la propria automobile. Chi n’è sprovvisto, come la genitrice con cui abbiamo discusso oggi, accompagnerà i propri figli a piedi sperando nelle clementi condizioni meteo.

Leggi anche:  Mistretta, sul Comune la spada di Damocle del debito con i La Fauci