Il Tribunale di Patti , con sentenza 991/2017, accogliendo la tesi difensiva dell’Avv. Davide Canzonieri, aveva già prosciolto il 40enne, Amaraweera G.D. Nalin ASANKA, di nazionalità srilankese, gestore di un riferimento di carburante, ubicato a Naso, dall’accusa sostenuta dalla proprietaria che aveva, a suo dire, lamentato un ammanco di circa ventimila euro.

Avvocato. Davide Canzoneri

A questo punto parla chiaro anche la sentenza, emanata dalla Corte, per il capo di imputazione più grave: tentata estorsione ed appropriazione indebita. La Corte ha infatti ritenuto il fatto non sussistente. Non contento di questa sentenza l’avvocato, difensore della proprietaria del rifornimento di benzina, ha proposto appello, impugnando la sola parte della Sentenza con la quale il Giudice di primo grado aveva dichiarato colpevole l’imputato del reato di appropriazione indebita.

All’udienza del 15 aprile del 2019, ritenendo fondati i motivi dell’impugnazione, la Corte di Appello, con formula di assoluzione piena, ha prosciolto l’imputato anche dal reato di appropriazione indebita perché il fatto non sussiste. “Grande soddisfazione è stata espressa dall’imputato, da sempre sicuro, di non aver commesso nessun illecito, e che la verità, alla resa dei conti, trionfa” si legge in una nota.

Leggi anche:  Operazione Scala reale, torna in libertà Antonino Niosi