Poteva finire peggio agli abitanti del condominio in piazza Volta, nel pieno centro abitato di Nicosia, nel quale, per cause ancora d’accertare, è divampato un incendio. Se molti di loro potranno raccontare la disavventura, lo devono a quatto agenti della Polizia Stradale del Distaccamento di Nicosia, di pattuglia intorno alle 14:00 di giovedì 17, che per puro caso transitavano sulla Via Nazionale del centro urbano.

Giunti all’altezza del Bar “San Francesco” il personale delle due volanti nota alcune persone raggruppate nei pressi della medesima attività commerciale e, contestualmente, una densa nube di fumo che fuoriesce dalle finestre di un appartamento al secondo piano del condominio, al civico 6 di piazza Alessandro Volta. Investiti dalle richieste di aiuto, da curiosi che si trovavano nei pressi del palazzo, i quattro agenti, sprezzanti del pericolo a cui stavano andando incontro, irrompono nel condominio, attratti dalle urla delle persone che non erano ancora riuscite a guadagnare l’uscita, quindi a mettersi in salvo.

Il fumo rendeva l’aria irrespirabile e la visibilità molto limitata. Ciò nonostante i quattro agenti della Stradale si fanno coraggio raggiungendo due persone rimaste bloccate al piano superiore. Due anziani, marito e moglie, che non erano riusciti a lasciare l’edificio perché la signora, affetta da grave invalidità, costretta sulla sedia a rotelle e con respiratore artificiale, si rifiutava di salire in ascensore per timore di rimanerci dentro bloccata. A questo punto i valorosi agenti della Polizia di Stato rimediano una sedia in cucina, in cui trasferiscono l’anziana impaurita, ed impugnandola,con la sola forza delle braccia, con la massima attenzione, scendono le scale portando la malcapitata, in preda alla disperazione, al sicuro, nel piazzale antistante l’edificio, seguiti dal marito della stessa.

Leggi anche:  Inferno e paura a Pettineo, evacuate diverse abitazioni per un incendio

All’interno dello stabile il fumo andava ulteriormente aumentando. Gli agenti sentono ancora urla provenienti dall’interno, si precipitano nuovamente dentro dove accertano la presenza di altre persone in preda ad una crisi di panico. I quattro poliziotti riescono a mantenere la calma, procurano degli strofinacci che bagnano e danno a ciascuno degli occupanti dell’appartamento, con l’indicazione di accostare il panno umido alla bocca per ridurre al minimo l’inalazione di fumi. Anche loro vengono accompagnati all’aperto, dove nel frattempo erano giunti i Vigili del Fuoco e il 118 della postazione di Nicosia, al quale vengono affidati per le cure del caso. Alle ore 15:00 l’incendio era stato già domato e solo in quel momento i quattro agenti, avvertendo bruciori al petto e tosse persistente, si recano al pronto soccorso del locale nosocomio, dove dai sanitari, su ciascuno di loro, riscontrano un’intossicazione dovuta ad un’eccessiva inalazione di fumo.