martedì - 22 agosto 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

In occasione della “ Settimana delle Culture”

Nobile con il suo mandolino alla IV edizione di Concerti al Buio

17038590_10212023615448655_6179082763384097864_o
0
condivisioni

Nino Nobile, il musicista castelluccese, con un passato d’attore, si racconta col suo mandolino e a luci spente nell’affascinante “teatro” della prestigiosa Chiesa del Piliere, nel cuore del centro storico di Palermo.

In occasione della “ Settimana delle Culture” il mandolinista, autodidatta e poliedrico, che a Castel di Lucio si è, per buona parte, formato seguendo sin da bambino, con attrazione ed interesse, antichi repertori musicali dai quali emergeva l’armonia musicale dello strumento che, più di ogni altro, racconta la serenata, la festa paesana, la nostalgia e lo scherzo, ancora una volta calca la scena teatrale, raccontando, musicalmente, se stesso e la storia del Regno delle due Sicilie in un’arena  che per l’occasione si spoglia del proprio ruolo, perde la propria valenza spettacolare, per diventare un luogo di condivisione e d’incanto nell’intimità degli avventori.

Il concerto previsto per sabato 13 maggio, organizzato dall’Associazione Amici dei Musei Siciliani”, giunto alla IV rassegna di intitolata ” Il Suono del Buio “, darà vita a un viaggio silenzioso per imparare ad ascoltare, ascoltarsi e ad affrontare le proprie paure.

Si entra come spettatori e nell’arco della notte in silenzio si mette da parte il proprio compito di pubblico, si indossa il pigiama, e a poco a poco si fa tesoro degli stimoli sensoriali che arriveranno. Il pubblico verrà deliziato dalle antiche sonate fatte nei saloni dei vecchi barbieri siciliani.

Verrà reso omaggio ai grandi mandolinisti siciliani che hanno avuto grande successo emigrando oltre oceano come Giovanni Gioviale, Franco Lo Causi e Giovanni Vicari quindi eseguite musiche dell’emigrazione, classici napoletani, colonne sonore di film. Ospite della kermesse il chitarrista bagherese Francesco Maria Martorana.

0
condivisioni

Commenta con Facebook