Domenica 4 marzo 2018 si vota per le elezioni politiche in tutta Italia, ma anche per le regionali in Lazio e in Lombardia. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. Si vota con la nuova legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum bis: si tratta di un sistema misto, in parte maggioritario e in parte proporzionale. I cittadini italiani aventi diritto al voto sono 51,2 milioni, di cui circa 24,8 milioni maschi e 26,4 milioni femmine. Sul totale degli aventi diritto, 4,2 milioni sono gli elettori stimati residenti all’estero. I giovani alla prima espressione di voto sono stimati in oltre mezzo milione.

Ogni scheda è dotata di un apposito tagliando rimovibile, “tagliando antifrode”, dotato di un codice progressivo alfanumerico, che sarà annotato al momento dell’identificazione dell’elettore. Espresso il voto l’elettore consegna la scheda al presidente del seggio. E’ il presidente che stacca il “tagliando antifrode” e, solo dopo aver verificato la corrispondenza del numero del codice con quello annotato al momento della consegna della scheda, la inserisce nell’urna.

Per votare è necessario recarsi al seggio con un documento e tessera elettorale.

La nuova legge elettorale prevede un sistema misto sia alla Camera che al Senato: un terzo dei seggi è assegnato con il sistema maggioritario e due terzi con il sistema proporzionale. Con il sistema maggioritario in ciascun collegio viene eletto un solo candidato: quello che ottiene più voti. Con il sistema proporzionale a ciascuna lista o coalizione di liste sono assegnati i seggi in proporzione ai voti ottenuti, calcolati a livello nazionale e poi redistribuiti nelle singole circoscrizioni territoriali.

Con il sistema maggioritario sono assegnati 232 seggi alla Camera e 116 seggi al Senato. L’assegnazione dei restanti seggi del territorio nazionale (386 alla Camera e 193 al Senato) avviene con il metodo proporzionale in collegi plurinominali.

Leggi anche:  Neve sui Nebrodi, De Domenico presenta interrogazione all'Ars

E’ necessario aver compiuto 18 anni per l’elezione dei rappresentanti della Camera (scheda rosa) e 25 anni per eleggere i senatori (scheda gialla). Per rinnovare la tessera occorre presentarsi agli uffici elettorali del Comune di residenza.