martedì - 12 dicembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

E' stato lui stesso a chiamare i soccorsi

Precipita, da oltre 4 metri, su un’area costiera pietrosa

0
condivisioni

E’ fuori pericolo l’uomo caduto da un’altezza di oltre 4 metri intento a lavorare nella sua campagna in contrada Villa Piana nel territorio di Motta D’Affermo. Si tratta di Antonio Conti, 65 anni, di Mistretta, medico chirurgo presso l’Unita Operativa di chirurgia dell’ospedale di Mistretta, in pensione da circa 2 anni. Il medico, che dal giorno del suo pensionamento trascorre, buona parte delle giornate, a contatto con la natura accudendo gli alberi da frutta  negli appezzamenti di terreno di sua proprietà, a ridosso di un muro che segna il confine con la spiaggia, pare abbia perso l’equilibrio volando da un’altezza di oltre 4 metri. L’impatto violento sulla spiaggia pietrosa ha causato un importante trauma alla colonna vertebrale e ad un piede.

E’ stato lo stesso medico, con grosse difficoltà per il trauma causato dallo schianto inasprite, oltretutto, dall’acqua del mare che continuava a bagnarlo, ad attivare la macchina del soccorso con il telefono cellulare, rimasto fortunatamente integro nella tasca dei pantaloni.  I primi a giungere sul posto l’equipaggio del 118 della vicina postazione di Santo Stefano di Camastra coordinato dal dottore Vito Russo. I soccorritori Giuseppe Mesi e Vincenzo Randazzo dopo aver ispezionato palmo a palmo l’appezzamento di terra, chiamando ad alta voce il malcapitato medico ch’era riuscito telefonicamente, nonostante tutto, a dare indicazioni sommarie sulla posizione, affacciandosi dal muro, da dove era precipitato il pensionato, scorgono l’uomo riverso sul pietrame bagnato dalle onde del mare. Immobilizzato, tra mille difficoltà, il poli-traumatizzato viene accompagnato, in ambulanza, al campo sportivo di Santo Stefano da dove, con l’ausilio dell’elisoccorso allertato dalla Centrale Operativa 118 , viene trasferito al Policlinico di Messina. Dai primi accertamenti risultano traumi multipli che non dovrebbero compromettere le funzioni vitali.

Leggi anche:  La provola dei Nebrodi ad un passo dal DOP
0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l