È stata presentata questa mattina la XIII Edizione della Traversata della Dorsale dei Nebrodi a cavallo. La manifestazione itinerante si svolgerà dall’1 al 5 agosto ed è riservata a cavalieri esperti in equitazione di campagna. Ogni giorno gli oltre 70 cavalieri percorreranno tra i 25 e i 30 km, ad un’altitudine che varia dai 700 ai 1800 metri sopra il livello del mare.

L’evento è organizzato dall’Associazione “Giacche Verdi Sicilia”, Onlus di volontari a cavallo per la protezione civile  ed ambientale, si avvale della collaborazione e del patrocinio di Enti ed Istituzioni, tra cui il Parco dei Nebrodi. Presenti alla conferenza il commissario straordinario Luca Ferlito, l’assessore regionale alle autonomie locali Bernadette Grasso, l’Assessore al Commercio e Artigianato – Attività Produttive di Longi, Fiorella Cirrincione e il prof. Giuseppe Salerno, esperto in turismo equestre già presidente, oggi componente del direttivo dell’Associazione Nazionale Allevatori Cavallo San Fratellano e il presidente delle Giacche verdi siciliane Lidia Anna Spitaleri.

Anzitutto porto i saluti del presidente Nello Musumeci che non ha potuto presenziare all’incontro a causa di impegni istituzionali. È certamente – dichiara la Grasso – un evento che valorizza il nostro bellissimo territorio, che dá la possibilitá agli appassionati di conoscere e vivere la bellezza naturale del Parco. Manifestazioni come queste vanno promosse il più possibile dalle associazioni e dalle amministrazioni locali, per far comprendere, anche a chi non li vive in prima persona, in che meraviglia di territorio viviamo”.

Leggi anche:  Comuni dei Nebrodi contro il bando sulle strutture per accogliere 2200 migranti

“Apprezzo davvero molto la sensibilità – aggiunge Ferlito – verso queste territorio da parte della regione. Questa attività, giunta oramai alla tredicesima edizione, merita ancora più risorse, è davvero un veicolo straordinario di promozione del territorio. Non tutti possono permettersi di cavalcare per 5 giorni in un percorso ancestrale come il nostro, spero che venga recepito anche al di fuori del Parco”.