martedì - 12 dicembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

in programma da domani a S.Agata Militello

Tutto pronto per Ma.T.E.R , il 3° Convegno Internazionale di Ingegneria Naturalistica

0
condivisioni

Tutto pronto per il terzo convegno internazionale di Ingegneria naturalistica –materiali e tecniche per il recupero degli ecosistemi denominato Ma.T.E.R. –  Materials and Techniques in Ecological Restoration in programma da domani a S.Agata Militello.

L’iniziativa, organizzata dal Parco dei Nebrodi, dal CIRITA (Centro Interdipartimentale di Ricerche sulla Interazione Tecnologia-Ambiente) dell’Università di Palermo e dall’AIPIN, Associazione italiana per l’ingegneria naturalistica –sezione Sicilia, prevede due intense giornate seminariali destinate a principi e metodi dell’ingegneria naturalistica, progettate per l’esigenza di garantire formazione e continuo aggiornamento su una disciplina così importante per lo sviluppo del territorio.

All’appuntamento, patrocinato tra gli altri anche dal Ministero dell’Ambiente e dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, saranno presenti esperti del settore sia italiani che stranieri. Previste infatti sezioni dedicate ad esperienze realizzate all’estero. Molto attese le relazioni di Paola Sangalli, Federazione Europea Ingegneria Naturalistica (EFIB – Spagna), Carlo Bifulco Associazione Portoghese di Ingegneria Naturalistica (APENA – Portogallo), Albert Sorolla (AEIP – Spagna), Bernard Lachat (BIOTEC Svizzera) e Elena Bazalina (Università Pervomaiskaja – Russia).

Per il Presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci “si tratta di un evento di carattere internazionale, di alto livello. Il Parco dei Nebrodi, che rappresenta l’area protetta più grande della Sicilia e tra le più estese d’Europa si presenta, ancora una volta, come capofila di iniziative dedicate alla conservazione degli habitat, mettendo a disposizione dei tecnici del territorio relatori e casi studio di spessore”.

Parteciperanno e forniranno il proprio contributo anche Giuliano Sauli, Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Ingegneria Naturalistica, Antonino Fiore, Presidente nazionale Società italiana di Geologia Ambientale e Rosario Schicchi, Direttore del CIRITA dell’Università di Palermo. Conclusioni del convegno affidate a Giampiero Sammuri, Presidente della Federazione Italiana dei Parchi e delle Riserve naturali che sottolinea l’importante contributo delle tecniche di ingegneria naturalistica per prevenire e ridurre i rischi di erosione del suolo ma soprattutto a supporto delle opere di rinaturalizzazione ambientale.

Leggi anche:  Transumanza al suono dei tamburi attraverso i Nebrodi

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l