San Fratello è ufficialmente un Comune in dissesto economico-finanziario. La delibera che sancisce lo stato di default è stata approvata ieri dal Consiglio Comunale con otto voti della maggioranza e l’astensione dei tre consiglieri di minoranza presenti. Il debito ammonta a quasi sei milioni di euro. Una massa debitoria certificata negli ultimi documenti finanziari, il rendiconto 2017 ed il previsionale 2018, nei quali figuravano debiti fuori bilancio e debiti potenziali per un ammontare complessivo di oltre 3 milioni di euro, di cui 653.000 euro provenienti dall’Area Tecnica e 2.454.000 euro dall’Area Amministrativa.

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Salvatore Sidoti Pinto, dopo quasi un anno dall’insediamento, di fatto non si è potuta muovere avendo ereditato, dalla precedente giunta, una pesante situazione debitoria che, comunque, era antecedente anche alla precedente legislatura.

Leggi anche:  San Fratello, in tre per la poltrona di sindaco: escluso l'uscente Fulia