L’amministrazione comunale di Sant’Agata Militello ha deciso di impugnare davanti al Tar la decisione del Ministero dell’Interno con la quale non è stata approvata la delibera che ridetermina la pianta organica, contenente la stabilizzazione degli 88 “contrattisti” attualmente in servizio. La decisione, supportata da apposita deliberazione, è stata assunta a pochi giorni dalla scadenza dei termini, in quanto il Ministero non ha dato seguito all’istanza di riesame formulata lo scorso mese di agosto.

“La decisione della Cosfel, commissione per la stabilità finanziaria degli Enti Locali in forza al Ministero dell’Interno, assunta lo scorso 7 agosto non tiene conto che la spesa necessaria per la stabilizzazione è a totale carico della Regione Siciliana e non comporta alcun onere per l’ente – afferma l’assessore al bilancio Antonio Scurria. Pertanto, sulla scorta del convincimento di aver sempre adottato atti perfettamente legittimi e rispettosi dell’ordinamento finanziario e contabile, il ricorso al Giudice amministrativo è l’unico rimedio per la tutela degli interessi dell’ente e dei lavoratori”.

Leggi anche:  Sant'Agata, minoranza chiede notizie sui lavori di manutenzione della spiaggia