A Santo Stefano di Camastra parte la riqualificazione di alcune piazze. Qualcosa comincia muoversi in senso positivo per cercare di dare un nuovo volto all’arredo urbano. L’assessore Santo Rampulla è al lavoro per recuperare alcune zone degradate del centro, non trascurandole le periferie e gli ingressi del paese delle ceramiche.

L’obiettivo è quello di salvare le periferie. Se non ci riusciamo sarà un disastro, non solo urbanistico, ma anche sociale per i nostri figli. Solo attraverso un forte interesse e la grande attenzione verso la cura e la riqualificazione delle aree periferiche si può pensare ad un rinnovamento delle infrastrutture, della viabilità, degli edifici, dei servizi, ma anche un percorso per creare coesione sociale. Riqualificare significa tenere conto delle origini di un luogo, preservarle e migliorarle, ma senza privarle della loro identità. Ogni progetto deve essere contestualizzato e integrato, deve funzionare e diventare parte integrante della quotidianità. L’identità di un progetto deve essere legata alla capacità dell’edificio di rispondere a un luogo, a una domanda precisa, rendendo così ogni progetto differente dagli altri.

Proprio l’identità di appartenenza ha spinto un artigiano ceramista stefanese a prendersi cura di un marciapiede di fronte alla propria attività, riqualificandolo con l’istallazione di una grande Giara. Speriamo che questa iniziativa possa essere da esempio anche per altri stefanesi, che come senso di appartenenza vorranno curare il decoro di una pubblica via oppure provvedere al riutilizzo di un edificio dismesso, occuparsi di valorizzare aree pubbliche, aree verdi, aree private di uso pubblico, il patrimonio immobiliare comunale.

Solo attraverso la collaborazione e l’impegno di tutti, si potranno mettere in campo anche altre attività di riqualificazione, perché è fondamentale capire che le persone non sono solo portatrici di bisogni ma anche di capacità e che è possibile che queste capacità siano messe a disposizione della comunità per contribuire a dare soluzione, insieme con le amministrazioni pubbliche, ai problemi di interesse generale. Intanto, l’amministrazione  comunale stefanese  si sta adoperando ad effettuare una serie di interventi significativi.

Leggi anche:  Santo Stefano di Camastra, riaperta la Chiesa del Calvario