In Italia ogni anno decine di migliaia di persone, colpite da arresto cardiaco, muoiono solo perché non si riesce ad intervenire tempestivamente. Intervento tempestivo che sarebbe facilitato dalla defibrillazione elettrica che, se eseguita entro pochissimi minuti, può salvare molte vite. La fibrillazione ventricolare è causa rilevante di decessi sull’intero territorio nazionale e la defibrillazione precoce rappresenta il sistema  più efficace per garantire le maggiori percentuali di sopravvivenza, per cui è opportuno diffondere in modo capillare l’uso dei defibrillatori semiautomatici esterni sul territorio nazionale anche a personale non sanitario, opportunamente formato, nella convinzione che l’utilizzo di tale apparecchiatura possa prevenire o quanto  meno ridurre il numero di morti per arresto cardiocircolatorio.

Motivo questo, che ha indotto il Comune di Santo Stefano di Camastra ad acquistare due defibrillatori da posizionare in alcuni punti nevralgici del comune stefanese maggiormente frequentati, avendo riguardo di una collocazione omogenea e funzionale. Il defibrillatore semiautomatico è un dispositivo medico che può essere utilizzato sia in strutture sanitarie sia in qualunque altro tipo di  strutture, fisse o mobili, stabili o temporanee. Una accurata e corretta formazione, ha l’obiettivo di permettere il funzionamento, in tutta sicurezza, del defibrillatore semiautomatico, per assicurare l’intervento  sulle  persone  vittime  di  un  arresto cardiocircolatorio.

L’operatore  che  somministra lo shock elettrico con il defibrillatore semiautomatico è  responsabile,  non  della  corretta indicazione  di  somministrazione  dello  shock  che  è  determinato dall’apparecchio, ma della esecuzione di questa manovra in condizioni di sicurezza per lo stesso e per tutte le persone presenti intorno al paziente. Riguardo ai criteri e modalità per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni, si ricorda che la diffusione graduale ma capillare dei defibrillatori semiautomatici  esterni  deve  avvenire  mediante  una  distribuzione strategica in modo tale da costituire una rete di defibrillatori in grado di favorire la defibrillazione entro quattro/cinque  minuti dall’arresto cardiaco, se necessario prima dell’intervento dei mezzi di soccorso sanitari. Dunque la collocazione  ottimale dei defibrillatori deve essere determinata in modo che gli stessi siano equidistanti da un punto  di vista  temporale  rispetto  ai  luoghi  di  potenziale  utilizzo.  In particolare, sono da collocare in luoghi di aggregazione cittadina  e di grande frequentazione o ad alto afflusso turistico,  e, in genere, ove sia più attesa l’incidenza di arresti cardiaci, tenendo  conto  comunque della distanza dalle sedi del sistema di emergenza.

Leggi anche:  Santo Stefano, l'Istituto Comprensivo mantiene l'autonomia scolastica