Siglato protocollo d’intesa tra l’associazione “BioDistretto dei Nebrodi “e la “SRR Messina Provincia”, per la realizzazione di attività di comune interesse nel campo dell’educazione ambientale, della promozione del territorio e nel settore scientifico. Nella sede degli uffici del BioDistretto Nebrodi di Capo d’Orlando è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra il presidente Francesco Calanna e la SRR Messina Provincia Spa, presieduta dal sindaco di Montagnareale, Rosario Sidoti, per la realizzazione di attività di comune interesse.

“Tra queste spiccano  – afferma il presidente Rosario Sidoti – la promozione, la tutela e diffusione del metodo di produzione biologico, in campo agricolo, zootecnico, agro industriale, forestale, ambientale, nonché la cura e la tutela del verde, del paesaggio, delle aree protette”.

“Saranno elaborate – precisano Sidoti e Calanna – ed aggiornate , in sintonia con la normativa comunitaria e nazionale vigente, norme e disciplinari relativi ad attività, con metodo biologico e relativi mezzi tecnici. Saranno promosse iniziative di ricerca, divulgazione, formazione, in materia di agricoltura biologica e tradizionale con il modello di gestione delle risorse”. “Saranno incentivate – ribadiscono i due presidenti – azioni per il rilancio e la valorizzazione del territorio, del turismo, del commercio, dell’artigianato, anche mediante la partecipazione alle misure previste in agricoltura e nel settore dell’ambiente, come ad esempio, Il PSR Sicilia ed a tutti i finanziamenti dell’Unione Europea”.

E’ inoltre prevista l’attuazione di accordi di filiera per i prodotti dotti locali, lo svolgimento di attività promozionali, anche tramite l’organizzazione di fiere, convegni, congressi, workshop ed ogni altra iniziativa sia a livello comunale, regionale ed internazionale, garantendo adeguata rappresentatività alle istanze di tutti quei soggetti, singoli o associati, che nell’ambito della Regione Siciliana, ed in particolare dell’area dei Nebrodi, perseguono finalità coincidenti con gli scopi suddetti.

Leggi anche:  Ricettività, i Nebrodi puntano a incrementare l'offerta con i fondi del "Piano Junker"