È stata inaugurata nei giorni scorsi a Torremuzza, piccola frazione marina del comune di Motta d’Affermo, alla presenza di Sua eccellenza il Vescovo di Patti mons. Guglielmo Giombanco, la nuova edicola votiva dedicata alla Madonna. E stata una cerimonia abbastanza toccante, che ha reso partecipi tutti gli abitanti della piccola borgata, i quali si sono prodigati per fornire ognuno il proprio contributo per la buona riuscita dell’iniziativa.
Alla cerimonia erano presenti anche il primo cittadino di Motta d’Affermo, Sebastiano Adamo e quello di Reitano, Salvatore Villardita, i quali con la loro presenza hanno voluto testimoniare la loro vicinanza a queste piccole realtà, che con tanta fatica cercano di mantenere vivo l’interesse verso questi luoghi. Qualora ce ne fosse stato di bisogno, anche in questo caso l’amore e la voglia che contraddistingue questa gente, testimonia, che quando si vogliono ottenere dei buoni risultati, come in questo caso, non ci sono difficoltà che tengano, anche perché tutto si supera con facilità.
Questi sono degli esempi che debbono servire a far cambiare la tendenza dell’immobilismo e dare linfa nuova, per cercare di fare uscire dal torpore in cui sono precipitati questi luoghi incontaminati. Ed il clima familiare che regnava durante la cerimonia di inaugurazione presieduta da sua eccellenza mons. Giombanco, deve essere uno stimolo per continuare a lavorare per fornire tutto quello che serve per dare nuova energia a questa frazione. Questa, è stata una iniziativa che ha curato il consigliere comunale di Motta d’Affermo Francesco Ciardo, il quale si sta prodigando a portare avanti tante altre attività per permettere il rilancio dal punto di vista turistico della piccola frazione marinara. “Il mio impegno per questa borgata è incondizionato – ha dichiarato il consigliere Ciardo– continuerò ad impegnarmi coinvolgendo anche altri abitanti del posto, affinché si possano realizzare tutte quelle iniziative tendenti a valorizzare tutte le bellezze che questo territorio ci offre.”

 

Leggi anche:  Enti locali, la conseguenza del dissesto: tasse alle stelle e limiti per i creditori