Arriva dall’Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana, nell’ambito del bando pubblico per l’accesso ai contributi per i “Programmi integrati per il recupero e la riqualificazione delle città”, il decreto di finanziamento di 2 milioni e 800 mila euro per il recupero del centro storico di Troina.

Ad annunciarlo, il sindaco Fabio Venezia: “Questo finanziamento, insieme agli altri già ottenuti, da qui a pochi mesi cambierà radicalmente il volto del centro storico attraverso la realizzazione di parcheggi, il restauro di chiese, la riqualificazione del tessuto urbano e la realizzazione della rete dei musei. É certamente un bel segnale, che incoraggia anche i privati a credere che la valorizzazione della parte antica della nostra città rappresenta una straordinaria opportunità di sviluppo per il nostro territorio”.

Il bando, cui il Comune ha partecipato nel gennaio scorso insieme ad altri 11 enti sui 390 di tutta l’Isola, prevedeva infatti, d’intesa con i partners privati disponibili ad investire, la possibilità di riqualificare aree urbane, strade ed edifici del centro storico. Aderendo ad una manifestazione di interesse pubblica, una società immobiliare di Alcamo, la “Nuova Edil Snc”, ha deciso di partecipare insieme al Comune al bando, acquistando 15 alloggi nel centro storico di Troina, da destinare ad iniziative sociali quali l’affitto per gli studenti universitari, le giovani coppie o per il progetto “Dopo di noi” per i disabili in cura all’Irccs “Oasi Maria Santissima”.

Infatti, ben 2 milioni e 300 mila euro dell’intero investimento saranno impiegati per la ristrutturazione di questi 15 alloggi, mentre i rimanenti 500 mila serviranno al Comune per effettuare interventi di riqualificazione urbana e degli edifici del centro storico, che andranno ad aggiungersi a quelli in programma ed in corso di esecuzione, per i quali in questi anni sono stati presentati e finanziati progetti per oltre 10 milioni di euro.

Leggi anche:  Troina, approvato il bilancio di previsione 2018/2020

“Partecipare a questo bando dalle modalità complesse – spiegano il vice sindaco Alfio Giachino e l’assessore Giuseppe Schillaci, che hanno lavorato al progetto – , non è stato semplice, ma abbiamo lavorato senza sosta, con l’ausilio dei nostri instancabili uffici, perché ne abbiamo subito intravisto le enormi potenzialità. Il fatto che una società immobiliare siciliana abbia creduto nelle enormi potenzialità del nostro centro storico e abbia scelto proprio l’antico borgo normanno per fare un importante investimento, è la conferma di un cambio di tendenza rispetto allo spopolamento degli ultimi decenni”.