lunedì - 21 agosto 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Migliorano le condizioni del giovane troinese ferito

Il Troina calcio allontana i responsabili della rissa di sabato scorso

Foto-Troina
0
condivisioni

Migliorano le condizioni del giovane troinese ferito nella rissa di sabato sera. Luca, che rimane ricoverato presso l’Ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, sta meglio ed ha una prognosi di venti giorni. Le buone notizie sul giovane fanno tirare un sospiro di sollievo alla cittadina nebroidea, ma continuano le polemiche contro la squadra, i giocatori e la condotta che hanno avuto.

Ieri sulla vicenda, rientrato in sede, il praton Giovanni Alì ha voluto dire la sua “sono stato in silenzio fino ad ora perché ciò che più importava era che Luca venisse dichiarato fuori pericolo…Ciò che è successo sabato scorso è inaccettabile, ma non perché dei tesserati dell’Asd Troina abbiano preso parte ad una rissa, perché poco importa se a litigare sia stato Tizio o Caio, un giocatore di calcio o di pallanuoto, ma perché ogni forma di violenza posta in essere è sempre inaccettabile. Per tanto, i ragazzi che hanno preso parte alla rissa, consci delle loro colpe ed in accordo con la società, sono stati allontanati dalla squadra, perché l’atteggiamento di sabato sera non si addice ai valori portati avanti dalla gente che ogni giorno lavora con impegno e dedizione per questa società, ed è proprio per questi valori, calunniati in questi giorni, che vorrei far riflettere qualcuno di voi porgendo una domanda: ma se un dipendente di una qualsiasi azienda, preso da un raptus di follia faccia male a una persona, è colpa del datore di lavoro? Concludo dicendo che se qualcuno avesse da ridire sull’operato di questa società, può venire direttamente a parlarne con la dirigenza piuttosto che aspettare delle disgrazie per fare del facile populismo.

Infatti, nelle scorse ore alla presenza del presidente Alì si è svolta una riunione tra dirigenti, tecnici e giocatori per fare chiarezza sulla triste vicenda, che ha travolto la Società. I due giocatori, Silvestre e Fricano, responsabili dell’aggressione hanno dato la loro versione sull’accaduto, e di comune accordo con la Società hanno interrotto il loro rapporto. Con l’allontanamento dei due ragazzi l’ASD Troina ha mantenuto la parola data nei giorni scorsi, “ove fossero riscontrate eventuali responsabilità dei nostri tesserati, la società procederà con l’allontanamento degli stessi”. Per i ragazzi di mister Pagana adesso inizia la sfida più importante e ardua, infatti oltre al campionato di serie D ormai alle porte dove dovranno dimostrare il loro valore e talento, dovranno impegnarsi a riconquistare la fiducia e la stima dei tifosi e della cittadina.

In merito alla vicenda anche il Coni di Enna ha diramato un comunicato stampa dove esprime solidarietà a Luca e alla comunità troinese, e usando le parole del presidente Mattarella ha ribadito il ruolo fondamentale dello sport sul piano sociale, culturale ed educativo.

“Riguardo alle ultime vicende avvenute a Troina il CONI di Enna esprime, dopo averlo fatto personalmente anche tramite il Sindaco Fabio Venezia, la propria solidarietà alla famiglia di Luca, alla Cittadinanza e agli Sportivi tutti di Troina.
In questo momento che coincide con la preparazione di tanti campionati, le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (pronunciate durante la visita al C.O.N.I. di Roma nel mese di giugno) possono essere ribadite e saranno certamente ben accolte da chi in Provincia si occupa di Amministrazione e di Sport: “Chi si impegna per lo sport, chi lo diffonde, aiuta l’intero Paese. Desidero dirvelo con convinzione. Sbagliano quanti, con qualche snobismo, considerano lo sport come marginale nella vita sociale, come un tempo di ricreazione. Lo sport è invece una leva di grande efficacia sul piano sociale, culturale, educativo, con rilevanti ricadute economiche. Questo aspetto conferisce una responsabilità maggiore ai dirigenti sportivi, ai campioni che vengono visti come riferimento – giovani che costituiscono esempio per altri giovani – a chi investe nelle società sportive, al mondo della comunicazione che opera nell’ambito dello sport e assicura un collegamento continuo con passioni popolari così avvertite.” Arrivederci a Tifosi e Squadra di Troina all’ appuntamento della prima partita casalinga di campionato. Angelo Sberna – Delegato Provinciale CONI di Enna”.

0
condivisioni

Commenta con Facebook