Un contributo massimo di 800 euro per la sostituzione di aperture ed infissi esterni fatiscenti o in materiale non idoneo, prospicienti la via pubblica, e fino a 300 euro per l’eliminazione dei serbatoi idrici, la sostituzione dei pluviali e delle tubature danneggiate e la copertura di cavi e di centraline delle rete idrica, elettrica e telefonica dismessi o non conformi alle norme di sicurezza.

È quanto disciplina il nuovo regolamento del Comune di Troina per il decoro urbano del centro storico, approvato all’unanimità dal Consiglio comunale, nella seduta svoltasi lunedì sera scorso al palazzo municipale, rivolto ai proprietari degli immobili ricadenti nella zona  A del vigente Piano Regolatore Generale che intendano effettuare interventi di manutenzione.

“Questo regolamento – spiega il sindaco Fabio Venezia , si coniuga perfettamente con il precedente, relativo alla tutela e al decoro del centro storico, la cui percezione visiva vogliamo sostenere con interventi mirati, incoraggiando i nostri concittadini ad effettuarli con un piccolo contributo. Crediamo sia una svolta non solo in termini di decoro urbano per l’edilizia privata del centro storico, ma una più ampia strategia di valorizzazione e sviluppo della nostra città e di sostegno all’economia, attraverso il coinvolgimento degli artigiani e delle maestranze locali”.

I contributi, per i quali l’amministrazione stanzierà ogni anno delle apposite risorse dal proprio bilancio, saranno concessi per i fabbricati e gli edifici ad uso civile del centro storico che siano in regola con le disposizioni urbanistico-edilizie. Il finanziamento sarà elargito per una sola tipologia di intervento ogni anno.  

Leggi anche:  Il Troina espugna il “D’Alcontres-Barone, battuta l'Igea Virtus