domenica - 24 settembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Si prevedono multe da 500 euro

Troina, linea dura contro la prostituzione

0
condivisioni

Linea dura per chiunque sosti sia a piedi che con le auto, o si intrattenga anche temporaneamente sulle strade pubbliche del territorio comunale e delle sue adiacenze, in compagnia di donne dedite alla prostituzione.

Con apposita ordinanza, volta a fronteggiare il dilagante fenomeno del meretricio che nelle ultime settimane ha interessato e turbato la quiete della città e dei suoi abitanti, il sindaco di Troina Sebastiano Fabio Venezia ha disposto che “i soggetti che indistintamente offrano e usufruiscano di prestazioni sessuali, vengano multati con una sanzione di 500 euro.”

Nonostante i numerosi controlli straordinari delle forze dell’ordine e della Polizia Municipale, che stanno attenzionando da settimane il territorio comunale, purtroppo nella cittadina nebroidea permane uno stato di allarme e disagio per quanto sta accadendo. Infatti, con diverse segnalazioni numerosi cittadini denunciano fatti riguardanti due donne extracomunitarie che, lungo la strada che conduce alla diga Ancipa, sono dedite all’esercizio del meretricio. Da qui, la decisione del primo cittadino di intervenire per arginare non solo il diffondersi dell’esercizio della prostituzione, ma anche e soprattutto di fenomeni ad esso correlati quali il favoreggiamento e lo sfruttamento, la violenza sessuale, la riduzione in schiavitù e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Le multe, per esigenze di sicurezza pubblica, saranno applicate dalla Polizia Municipale a chi si arresti, anche a piedi e per breve tempo, con soggetti che sostano prolungatamente sulla strada pubblica e nelle sue adiacenze per offrire prestazioni di meretricio e contrattare prestazioni sessuali, o si intrattenga per chiedere informazioni e concedere ospitalità a bordo del proprio autoveicolo, e a quante sostino per le vie della città, con inequivocabili atteggiamenti riconducibili all’esercizio della prostituzione.

Leggi anche:  Chiedevano il pizzo ad un allevatore dei Nebrodi: arrestati due pregiudicati catanesi
0
condivisioni

Commenta con Facebook