Quindici lavoratori precari del Comune di Ucria hanno siglato ieri  il contratto a tempo indeterminato. Dopo trent’anni il Comune nebroideo ha messo finalmente la parola fine al precariato e i 15 lavoratori hanno raggiunto pertanto il traguardo della stabilità del posto di lavoro, firmando, nell’aula consiliare, l’agognato contratto a tempo indeterminato, e immessi nell’organico di ruolo di Piazza Castello.

“Questi lavoratori – ha commentato il sindaco Vincenzo Crisà per anni hanno vissuto nel limbo del precariato, pur svolgendo funzioni essenziali negli uffici comunali. Grazie alla sinergia con l’amministrazione cittadina, finalmente si apre una nuova stagione di diritti e certezze”.

Il sindaco ha inoltre sottolineato come questo risultato sia importante in una comunità montana nella quale il municipio rappresenta un fondamentale punto di riferimento. “Il nostro obiettivo è di far funzionare al meglio la macchina amministrativa – ha detto il primo cittadino – per garantire servizi alla cittadinanza. Per questo sin dal primo giorno di insediamento ci siamo attivati per far sì che un giorno come questo divenisse realtà. Da oggi inizia una nuova vita per 15 persone e per le loro famiglie che possono guardare al futuro con maggiore serenità”.

Leggi anche:  Ucria, dipendente comunale denuncia sindaco e vice sindaco