Presso l’Assessorato alle infrastrutture e mobilità, presenza dell’Assessore regionale Marco Falcone e del Capo di Gabinetto, Vincenzo Marchingiglio, la scorsa settimana, si è svolto il tavolo tecnico per affrontare il problema relativo alla strada di collegamento Castel di Lucio – Gangi.

Erano presenti i Sindaci dei comuni di Castel di Lucio, Pippo Nobile, quello di Gangi, Francesco Migliazzo, i rappresentanti delle Aree Metropolitane di Palermo e di Messina, l’ingegnere Antonino Di Gangi, del Genio Civile di Messina. Assente il Sindaco di Nicosia e i rappresentanti del Libero Consorzio di Enna.

L’impegno già assunto nel primo tavolo tecnico svoltosi il 14.03.2019 è stato ribadito dall’Assessore Falcone ovvero la firma di una convenzione da parte degli enti proprietari della strada che attraversa il territorio di tre comuni e di altrettante Province. La convenzione, a breve, sarà pronta, inviata a mezzo pec, la quale dovrà essere sottoscritta telematicamente dagli interessati. Tramite la stessa potrà essere avviato l’iter relativo alla progettazione poi del finanziamento e realizzazione dell’opera.

La progettazione è stata affidata al Dipartimento Tecnico dell’Assessorato il cui Dirigente generale, l’architetto Salvatore Lizzio, ha assunto ogni utile informazione e demandato al Genio Civile di Messina, nella persona dell’ingegnere Antonino Di Gangi, l’avvio dei sopralluoghi. Progettata l’opera verrà inserita nel Piano Regionale degli Interventi sulla Viabilità. L’Assessore ha rassicurato i presenti sulla certezza del reperimento dei fondi e sulla tempistica della realizzazione delle opere.

La transitabilità dell’arteria oggi è possibile grazie ai continui interventi del comune di Castel di Lucio che, con i propri operai e i propri mezzi, stendendo materiale sui punti più sconnessi della strada, riesce a garantire l’attraversamento e dunque il collegamento tra il piccolo centro nebroideo e la cittadina madonita. Nessun contributo fattivo pare essere stato dato dai comuni di Nicosia e di Gangi per la via di comunicazione.

Leggi anche:  Castel di Lucio, intimidazione ad un veterinario dell'Asp

Nei prossimi giorni, dalle informazioni in nostro possesso, il primo cittadino di Castel di Lucio, Pippo Nobile, dovrebbe recarsi a Messina, presso gli uffici del Genio Civile, per avere contezza sui tempi e l’iter relativi alla progettazione. La spesa preventivata per lavori dovrebbe aggirarsi intorno ai 6 milioni di euro.