“Vogliamo distinguerci dal travisamento di affermazioni che non appartengono alla città ed alla provincia di Messina. È stucchevole alzare barricate nei confronti degli abitanti del Nord. Così non si fa altro che alimentare la confusione a discapito del nostro precario sistema produttivo e turistico”. Lo ha dichiarato il sindaco metropolitano di Messina, Cateno De Luca.

Le parole di De Luca fanno seguito, in direzione diametralmente opposta, a quelle del presidente della Regione, Nello Musumeci, che in riferimento agli sviluppi dell’emergenza Coronavirus, ieri aveva affermato: “La Sicilia non è una terra in cui non si può sbarcare e non si può atterrare: però servono controlli perché non è possibile che i due casi registrati di positività al Coronavirus riguardano turisti del Nord perché nella nostra isola non c’è un focolaio. Sarebbe meglio che i turisti dal Nord non venissero”.

La presa di posizione di De Luca rimarca la posizione della Città di Messina ma sembra, anche e soprattutto, una vera e propria frecciata al governatore. “La chiusura a coloro i quali dal Nord scendono in Sicilia – evidenzia ora De Luca – è un messaggio che sia dal punto di vista economico che soprattutto dal punto di vista culturale, non rispecchia la nostra natura vocata all’accoglienza”.

Leggi anche:  Taormina, sanzionati locali per occupazione abusiva di suolo pubblico