In meno di 48 ore sono stati complessivamente 30.620 i tamponi rapidi effettuati su altrettanti cittadini che hanno aderito alla campagna di monitoraggio del Coronavirus sulla popolazione, organizzata nei drive-in allestiti in circa trenta città dell’Isola.

Al termine della due giorni sono stati individuati ed isolati, nei vari territori, 930 nuovi soggetti positivi al Covid 19, ai quali – come previsto dalle linee guida – è stato già effettuato in loco il test di conferma mediante tampone molecolare.

L’iniziativa, promossa dalla Regione Siciliana con le Asp e in collaborazione con Anci Sicilia e le amministrazioni locali, non si ferma: in molte delle città siciliane, infatti, i drive in resteranno operativi anche oggi e prossimamente si aggiungeranno altre località.

Il record di tamponi rapidi effettuati nel week end va alla provincia di Trapani con 10529 test nei drive in predisposti oltre che nel capoluogo anche ad Alcamo, Mazara del Vallo, Marsala e Castelvetrano. Bene anche le altre città: significativo, in particolare, il dato di Palermo dove, dall’avvio dell’esperienza all’interno della Fiera del Mediterraneo (11 giorni fa), sono stati complessivamente testati 11326 cittadini ed individuati oltre mille positivi al Covid-19.

Va ricordato che la campagna nei drive è destinata alla popolazione scolastica (personale docente, non docente, studenti e loro genitori), un target individuato dall’assessorato regionale alla Salute su suggerimento del Comitato tecnico scientifico. Successivamente verranno selezionate altre categorie di popolazione, l’esperienza, secondo la volontà del governo Musumeci, infatti andrà avanti nelle prossime settimane. E’ importante sottolineare, infine, che i tamponi rapidi non vengono calcolati nel bollettino.

Leggi anche:  Covid, Cesarò e San Teodoro non sono più "zona rossa"

Grande affluenza nel weekend dedicato al monitoraggio regionale, effettuato in modalità “drive in” con l’utilizzo di tamponi rapidi antigenici Covid-19, rivolto al personale docente e non docente degli Istituti scolastici superiori a Messina, oltre che alla popolazione scolastica e loro familiari.

La presenza di un notevole numero di persone, soprattutto di studenti e familiari, nello spazio antistante l’Istituto “Minutoli”, ha richiesto il prolungamento dell’orario di effettuazione degli esami a tutto il pomeriggio della domenica. Stamane sono stati resi i primi dati relativi allo screening, effettuato grazie al coinvolgimento della Città Metropolitana di Messina, del Dirigente prof. Pietro La Tona, del Referente Asp dott. Carmelo Crisicelli e del personale specialistico che ha effettuato i tamponi.

Il totale dei tamponi rapidi effettuati è stato di 1187 con un numero di 35 positivi: in particolare, sabato 7 novembre sono stati 515 i tamponi fatti, con 12 positivi; domenica 8 novembre 672 i tamponi eseguiti con 23 positivi
A tutti coloro che sono risultati positivi al test è stato praticato l’ulteriore tampone molecolare per l’eventuale conferma della positività riscontrata.

Al progetto hanno aderito, oltre al “Minutoli”, che ha messo a disposizione aree, locali e personale di supporto, gli Istituti scolastici “Ainis”, “Seguenza”, “Archimede”, “Jaci”, “Maurolico” ed “Antonello”.

L’iniziativa è stata ideata dall’ANCI Sicilia e si è avvalsa del supporto logistico della Città Metropolitana di Messina per mezzo del Servizio di Protezione Civile, del Servizio Prevenzione e della Polizia Metropolitana.

Leggi anche:  Covid in Sicilia: 1.294 i nuovi contagiati e 34 decessi

Soddisfazione per l’alta adesione al progetto è stata espressa dal Sindaco Metropolitano, Cateno De Luca, che ha sottolineato l’importanza dei controlli preventivi sulla popolazione scolastica in un momento di grande criticità sanitaria.
Tutte le procedure sono state eseguite con la massima celerità ed in totale sicurezza.