Nel fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno svolto un servizio di controllo del territorio anche nella zona della c.d. “movida”.

I militari dell’Arma hanno controllato tre locali al fine di verificare il rispetto delle normative sulle recenti prescrizioni per l’esercizio delle attività commerciali e di ristorazione, sensibilizzando gli avventori sul rispetto delle distanze interpersonali.

Nel corso dei servizi sono stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria:

un 20enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere poiché trovato in possesso di circa 9 grammi di marijuana ed un coltello di genere vietato, sottoposti a sequestro;

un 33enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti poiché trovato in possesso di circa 12 grammi di marijuana, alcuni semi di canapa indiana e due bilancini di precisione, sottoposti a sequestro;

un 54enne per porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere poiché trovato in possesso di un coltello di genere vietato, sottoposto a sequestro;

un 24enne per evasione, in quanto trovato al di fuori del domicilio.

Inoltre 3 persone, di età compresa tra i 18 e 43 anni, sono state segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntori di stupefacente, poiché trovate in possesso di modiche quantità di marijuana, detenute per uso personale, che sono state sequestrate.

Leggi anche:  Covid, in Sicilia stop al distanziamento sociale sui mezzi di trasporto

Sono stati controllati oltre 90 automezzi e 179 persone e sono state contestate 22 infrazioni al Codice della Strada che prevedono sanzioni amministrative, tra cui 3 per mancanza di copertura assicurativa con i sequestri amministrativi dei veicoli ed alcuni automezzi sono stati rimossi per contrastare la sosta selvaggia.