ROMA (ITALPRESS) – Il Tribunale di Roma – IV Sezione Lavoro – in merito all’obbligo di Poste Italiane a trattenere, dalle buste paga dei propri dipendenti, le quote sindacali, in una sentenza evidenzia “il diritto di Confintesa Poste di conseguire il pagamento della quota associativa mediante trattenuta sulla retribuzione mensile dei propri associati e il corrispondente obbligo di Poste Italiane spa di effettuare la relativa trattenuta sulla retribuzione mensile dei dipendenti associati all’Organizzazione sindacale ricorrente nonchè di versare la somma trattenuta in favore di Confintesa Poste”.
“Poste Italiane si riteneva non obbligata a trattenere le quote sindacali dei propri dipendenti a favore di Confintesa e di conseguenza al versamento di tali quote allo stesso sindacato”, si legge in una nota dell’organizzazione. Il segretario di Confintesa Poste, Vincenzo Cerullo, ha fatto ricorso al Giudice del Lavoro di Roma denunciando – continua la nota – “il comportamento antisindacale di Poste Italiane” e “oggi, a due anni dal ricorso, è giunta la sentenza che obbliga Poste Italiane a effettuare le ritenute ai dipendenti associati e al relativo versamento di dette trattenute in favore di Confintesa Poste”.
Il segretario generale di Confintesa, Francesco Prudenzano, si è detto “soddisfatto di questo pronunciamento che mette la parola fine all’ostracismo posto in essere da alcune aziende, pubbliche e private, nei confronti di Confintesa e spera che, alla luce di questa sentenza, cadano gli alibi di chi ha cercato di impedire il normale svolgimento delle relazioni sindacali all’interno delle imprese italiane impedendo agli associati di Confintesa di esercitare un loro diritto”.
(ITALPRESS).

Leggi anche:  Birra Messina, una piattaforma sulle meraviglie inattese della Sicilia